Perdere è una questione di metodo

Annunci

Che serate!!!!

Non per tirarsela ma siamo di nuovo in allerta massima,c’è un tempo fuori che fa paura,il vento ulula,piove a secchiate,domani di nuovo scuole chiuse e ..insomma non se ne può più.E i fiumi salgono…..

David Grossman

Di Grossman, mi ha sempre affascinato quello che dice, il modo in cui riesce a parlare della guerra e a chiedere pace, con grandissima umiltà e cultura, usando termini e toni umanissimi e comunque grandi, pieni di talento, termini e toni che riescono a non perdersi nella traduzione, che ti raggiungono, che ti colpiscono come frecce scoccate con precisione e determinazione assoluta. Ma stasera ho visto il suo dolore di padre trasfigurarsi ,il suo coraggio diventare poesia in poche semplici umane splendide parole,le parole che ha inventato per noi,per spiegarci il senso della sua ricerca,la sua capacità di trovare dentro se stesso le cose giuste da raccontare a sé e a noi,la generosità e l’amore che la sofferenza ha reso ancora più visibili ai miei occhi,la forza e la liberazione che ha cercato e trovato dentro quel suo meraviglioso dono che è scrivere.
Non ho ancora letto questo suo libro ma aver ascoltato per venti minuti David Grossman, stasera, ha dato un senso e una pienezza incredibili alla mia giornata.

Domenica è sempre domenica

Passata la paura di nuovi disastri,dopo una sera in casa con amici carissimi a cui ho regalato il mio affetto sotto forma di cibo buono,buon vino,calore e chiacchiere,è arrivata questa domenica fredda e grigia eppure non mi ha immalinconita..Ne ho anzi gustato il fascino tutto speciale del riposo,della compagnia di un buon libro,del tepore della mia casa.
P.S.Sì,lui è tornato,per salvare l’Italia,ma non voglio sprecare nemmeno una parola per uno zombie.

Ieri,un anno dall’alluvione che ha semidistruttola provincia della Spezia.
Stasera siamo di nuovo in allerta due e piove come se non dovesse mai più smettere.

I casi della vita…

Quando ho scoperto che ieri sera,mentre io cazzeggiavo con gli amici in un bar del centro,Uolter annunciava urbi et orbi che dopo soli trentasei anni aveva preso la dolorosa decisione di scollarsi da uno scranno parlamentare(o no),ho pensato per un attimo che riesco sempre a mancare gli appuntamenti con la storia.Ma ho concluso che un bicchiere di Falanghina ne valeva comunque la pena.E che la prossima trasmissione di Faziofabio in onda di domenica mi darò direttamente ai margarita.Hai visto mai….

Malinconie

O forse solo incazzature sotto mentite spoglie.
Non si può più vedere un giornale neanche da lontano,di accendere la tivù nemmeno se ne parla…ti passa la voglia di tutto tranne che di urlare un basta così forte da essere capace di attraversare tutto intero questo nauseabondo Paese,di demolire pareti e spaccare vetri…un basta immenso,che ti rimane chiuso nel petto e non ti viene neanche più da smoccolare nè scrivere nulla, affogata nella melma che ormai ti è arrivata alla gola e anche quel basta lì ne uscirebbe strozzato.

Dopo la Diaz..

cosa volete che siano le botte e le manganellate a ragazzini???
Rischio di soffocare nella mia rabbia,stasera….

Pomeriggi sprecati

Aspettando l’ennesima riunione inutile e noiosa dove impartirò banali disposizioni e mi toccherà mediare posizioni assurde tra donne prive del minimo sindacale di buon senso…
Però hanno arrestato Fiorito e continuo a domandarmi se l’hanno portato via con un carro bestiame….

Buona domenica

Vabbè,è domenica.
Pallidi raggi di sole e nuvole che vagano nel cielo che riesce a sembrare azzurro e poi grigio e poi di nuovo azzurro nel giro di dieci minuti.Comincio a metter via costumi e ciabattine e tutta la chincaglieria dell’estate chè se arriva per davvero l’autunno non voglio sentire sussurri di nostalgia quando apro gli armadi.
Buona domenica.
(Voi lo sapete,vero?,che odio fare queste cose!)

Stanca stanchissima…


..direi distrutta da una settimana di lavoro intensa.Ma domani è domenica,per fortuna.
….intanto,piove,e l’aria profuma d’autunno.Vado a leggere un po’,e spero anche a dormire…non ho più l’età,è questo il problema.
(Ma la Polverini,gente,e il Monti bis e la coda nei negozi per l’i-phone meritano qualche post,lo so.)
Dolce notte,viandanti.

Un caffè?

E in questa mattina di un settembre che non sa decidere se vuole fingersi ancora estate o tuffarsi direttamente nell’autunno,mi riesce finalmente di offrirvi un caffè,e magari anche qualcosa di molto dolce da mangiare,giusto per levarsi dal palato quel leggero retrogusto amaro e quel senso di nausea che ormai accompagna abitualmente lo scorrere dei titoli del giornale.
Buongiorno e buon caffè e che la marmaglia che ci soffoca e rende l’aria irrespirabile si schianti definitivamente,un giorno o l’altro.Magari dalle macerie si potrebbe anche ricominciare,chissà.

E’ andata aff

Sembra che la Polverini si sia dimessa.
Qualcuno pensava che avessimo toccato il fondo dopo bunga bunga e culona alla Merkel,ma evidentemente no.Ci mancavano i porci vestiti da proci…la monnezza è più profumata,diciamocelo.
Comunque vado via a testa alta, dice.E io spengo la tivù prima che mi venga un attacco di ipertensione fatale.

Ma il primo che si azzarda a dirmi che quello straccio di partito che finge di essere il PD deve allearsi con Casini lo faccio a pezzi e lo butto nel congelatore.

Ormai notte..


…ma non abbastanza per me.
E così passo a dare un saluto,a raccontarvi di un pomeriggio a Manarola con A.,io a leggere in maglietta,lei in costume a chiacchierare col nipote di zì Bramante(noto spacciatore di vermentino e panini con burro e acciughe) e a lanciarmi occhiate birichine ascoltandolo brontolare che “questi stranieri non se ne vogliono proprio andare”.
Poi nuvole scure e vento,aria di pioggia, mentre lei cantava sotto la doccia…..

Lei

Una telefonata inaspettata nel primo pomeriggio di ieri ha reso improvvisamente più allegra una giornata scialba.Come quando appena alzata spalanchi le finestre e l’aria fresca del mattino ti lava via dal viso i brutti sogni.

Come ai vecchi tempi?

Questa Raperonzola voleva rendere questo bar lieve ed allegro,stile bar sport,con qualche battutina qua e là,un po’ di caffè,due pasticcini,qualche bicchiere di buon vino e un paio di margarita alla settimana,per il buonumore…due o tre fotelle del mare e poi delle foglie morte d’autunno e della neve che verrà,se verrà….invece la faccenda si rivela complicata e gli avvenimenti risvegliano quell’altra Raperonzola petulante e noiosa e mugugnona che sonnecchia dietro tutte le belle cose suddette…..ad esempio Ballarò che incombe con Pierluigi in prima fila,il ritorno del Nostro,immarcescibile purtroppo,la Polverini vestita da prima comunione per non dire poi di Lusi,il caro (carissimo direi,in euro) Lusi che esce di galera e va agli arresti domiciliari in convento….MA DOVE S’E’ MAI VISTO??????????IN CONVENTO?????
MA QUANDO MAI??????
Siamo un Paese all’avanguardia,niente da fare.Secondo voi.Lusi farà gli ESERCIZI SPIRITUALI con i fraticelli,là in Abruzzo?????
Ecco,di tutte le notizie orrende che leggo,questa davvero mi ha messo le mani nel sangue.
Referendum: Ma ci state prendendo per il culo?Il quesito come vedete stavolta è semplice,tutto sta a vedere se ammissibile.
Le risposte anche: Si’- No
Raccogliamo le firme,ragazzi.Magari ci scappa anche un sorriso…..morire allegri non è da tutti.

Non posso crederci

Sentire di nuovo il verme schifoso blaterare in qualche tiggì mi ha fatto accapponare la pelle.
E’ ancora qui,come una maledizione,come una malattia direbbe De Andrè, a promettere abolizione di tasse a destra e a manca……mi corrono brividi lungo la schiena.Non c’è fine alle disgrazie di questo paese,non se ne esce proprio più e la cosa peggiore,in tutto questo tempo,è accorgersi che non è cresciuto nulla se non le malepiante.
E non c’è modo di fermare questa spirale malefica che ci trascina sempre più giù,ammutoliti ci lasciamo afferrare dal gorgo e via….

Meraviglia di questa mattinata di metà settembre passata in cucina a grigliare peperoni e melanzane,a stufare zucchine,a pulire verdure ,sbucciare cipolle,cuocere di tutto e di più,per imprigionare nel congelatore i colori dell’estate,mentre mille profumi invadono la casa e il basilico ti sembra un dono di Dio e intanto dallo stereo la voce di Eddie Vedder ti racconta mille dolcissime cose.

Su un divano,le foto di qualche anno fa,una vacanza alle Eolie,nostalgia canaglia direbbero gli exCip&Ciop,solo rabbia adesso,perchè davvero esistono disgrazie di serie C in questo paese allucinato e i giornali e la tivù ieri se ne sono proprio scordati,di questa gente in preda al fango e alla pioggia e al dolore,in uno dei posti più belli del mondo.L’ennesima vergogna a cui non voglio abituarmi.

Buona domenica.

e’ sempre più Settembre, con queste belle giornate limpide e assolate e l’aria frizzante, mattino e sera, aria quasi leggera, con dentro l’ultima traccia dell’estate che lentamente si dissolve e il profumo d’autunno che a cercarlo bene è già qui..così d’improvviso tutto sembra diverso, i colori più nitidi, il cielo pulito, un po’ di malinconia e quel senso d’attesa di un nuovo inizio, come sempre.

Sì,lo so è una banalità.

Cose così

tristezza che ti pove addosso all’improvviso in una limpida sera di settembre.

♥ melodiestonate ♥

Un blog da leggere... .Per chi ha tempo da perdere...♥

Perdere è una questione di metodo

bloggin'utile

Perdere è una questione di metodo

DaNein

L'iberté!!! Hégalité!!! Avv'inazzhé!!!

folletta baci baci

Perdere è una questione di metodo

ilpescatorediparole

Perdere è una questione di metodo

Navigando Controvento

Perdere è una questione di metodo

Daily Godot's Weblog

Quando arriva Godot...

I Care

Perdere è una questione di metodo

Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

angelinablogblog

Perdere è una questione di metodo

ANTANDBUTTERFLY

Perdere è una questione di metodo

lavinia

Perdere è una questione di metodo

Valeriascrive

Perdere è una questione di metodo

Aboccaaperta

Perdere è una questione di metodo

stellablog

Perdere è una questione di metodo

La pioggia di settembre

Perdere è una questione di metodo

pensierini

Perdere è una questione di metodo

miscredente08

Perdere è una questione di metodo