Perdere è una questione di metodo

Archivio per la categoria ‘Di tutto un po’.’

Ma mi avete abbandonata????

Cattivi.
Allora niente caffè.

Annunci

Ciao,ragazzi

eccomi qui,ben decisa a riappropriarmi di questo spazio che per troppo tempo ho trascurato,correndo dietro a sciocchezze insulse…ci siete ancora?chissà…avrei milioni di cose da raccontarvi e altrettante dovrei sentirne da voi,ma intanto mi accontento di un saluto,di un sorriso di gioia per la ritrovata voglia di essere qui con voi,per aver capito che troppo tempo ho passato qui per andare a cercare altrove!!!!
A stasera,o stanotte,perchè vado a cena fuori,per riprendere il filo di un discorso malamente interrotto,per ritornare a quel buffo pensierino della sera che forse a voi non è mancato,ma a me,me ne rendo conto adesso,sì.

Aprile,il più crudele dei mesi (citazione banale).

Un briciolino di sole, oggi, ma poca cosa, nulla che possa far tornare il buonumore….Weekend pessimo, pioggia e ancora pioggia…..perciò niente di quello che speravo di fare è stato possibile, il mio terrazzo continua ad aver bisogno di cure e ormai non si può rimandare ancora per molto, e poi vorrei di nuovo il sole, un po’ di caldo sulla pelle, siamo ad aprile, ecchecavolo!!!!

Ma questo aprile m’è sembrato peggiore del solito, iniziato con la tragedia del terremoto, con una Pasqua malinconica e quasi furtiva, e qualche giorno di primavera, persino caldo, persino troppo.

Spero di ritrovare presto un po’ di energie, un po’ di voglia di fare, di esserci, di imprecare, anche, per le porcherie che ci succedono intorno, un giorno dietro l’altro, così spedite e sicure che passano come treni sulle rotaie della nostra indifferenza.

Naturalmente…..

……la tristezza postnatalizia non poteva mancare..e infatti è qui, a farmi compagnia, insieme alle orrende notizie dal mondo che in quest’ultima settimana ho tenuto con fermezza fuori dalla porta. Di bello c’è da dire che la mia piccoletta ha riempito la casa con le sue  risate e anche i suoi mugugni, dividendosi equamente tra me e suo padre, che la mia amica D. , con cui ho praticamente trascorso tutti e tre gli ultimi giorni, escluso oggi, un po’ qui da me, un po’ dai suoi, un po’ a casa sua, è molto serena e ha ricevuto, giusto la vigilia di Natale la lieta novella che è tutto ok e non dovrà sottoporsi a terapie particolarmente invasive…per il resto, nulla da segnalare, a parte che è bello, ogni tanto vivere fuori dal mondo per qualche giorno, ma il risveglio è come un incubo riuscito.

                                                                              [kml_flashembed movie="http://it.youtube.com/v/F-edwnMygKE" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

Giornataccia…

…….nonostante il sole ( che non scalda più niente), le buone notizie della fanciullina santa che si laurea in una data ancora imprecisata tra il  15 e il 30 di novembre, le streghe che hanno imparato a fare un po’ meno le streghe ( perchè altrimenti io sono disposta a trasformarmi in Crudelia  De Mon in men che non si dica!) un ottimo margarita con le amiche(  ho un po’ sbevazzato, lo ammetto) , la linea che incomincia a tornare alla normalità ( ancora 15 giorni e sono ok)…ma continuo a sentirmi un po’ malinconica ,un po’ triste.

Oggi, tornando a casa, il venticello fresco di settembre ha fatto volare delle foglie di platano sul parabrezza (si chiama così?) della mia auto. Le prime foglie d’autunno, (almeno le prime che mi capita di vedere). Mi hanno fatto sorridere, ma quel sorriso dal retrogusto amaro,con un rimpianto piccolo piccolo per un’altra stagione che ormai è andata.

                                                                                                                      8048151511.jpg

Ma quanto mi girano…

…..oggi, delle eliche impazzite!!!!Giornata assurda in ufficio, nuvole fuori , (piove, sì,piove, no, non piove, ma che caldo, che storia),il festival di Mantova mi sarà interdetto per sempre, perchè come si fa a mollare il lavoro con l’anno scolastico in partenza e la gelmini che spacca lo spaccabile con leggerezza e idiozia (leggerezza nel senso peggiore) lo so, e infatti è nell’inventario, ma mi incavolo comunque tutti gli anni…….tutti quegli scrittori, quei libri, quelle piazze meravigliose di Mantova e io qui a studiare le minchiate del ministero,che spreco!!!

E a proposito di Festival non sto a dirvi la magia di Toni Servillo che legge poesie sotto la luna o la bravura di Moni Ovadia, e l’incredibile dedizione ed entusiasmo di gente che corre da un evento all’altro sotto il sole che la scorsa settimana era davvero cattivo, e allora mi veniva da pensare, ma guarda che bello,la gente normale che pensa e ama  e gode della bellezza e della cultura c’è davvero e ascolta tutto senza fiatare, per non perdersi neanche una parola e affanculo le tivù e le sue stronzate. (Questo post è pieno di parolacce, mi pare).

Niente aperitivi, per un paio di settimane almeno, sarà questo che mi rende cattiva, perchè le persone normali si mettono a dieta PRIMA dell’estate, io invece sono diversa e mi sono messa a dieta adesso, DOPO l’estate e così sono qui affamata e furente.

Ma mi viene anche un po’ da ridere(…e piangendo ci viene da ridere….grande Francesco D.G.)..

Ah, il mare.

Oggi, solo qualche stupida commissione ( il cruscotto della mia macchina ormai brulicava di post-it!) e poi una lunga, rilassante giornata al mare, spiaggia tranquilla di Fiumaretta, niente escursioni, niente gite per posti certamente più belli ma faticosi…solo un comodo lettino, un ombrellone, il bar a portata di mano e un libro che adesso vado a finire di leggere perchè mi ha coinvolto parecchio (Quell’estate di sangue e di luna, molto accattivante, atmosfera da Stand-by me di Stephen King, profumi odori e scenari vicini a Io non ho paura di Ammaniti, scrittura limpida e potente di Eraldo Baldini e Alessandro Fabbri).Davanti, il mare, il suo rumore sommesso, il profumo straordinario dell’estate che sulla via del ritorno , mentre sfioravo le canne quasi piegate, mi ha riempito le narici.

A più tardi.

Domenica di pioggia.

piove che Dio la manda, mi sono alzata vergognosamente tardi, non ho voglia di fare nulla se non di starmene qui a leggere….ieri tutto il giorno in giro, un breve blitz a casa , giusto il tempo di cambiarmi e approvare i vostri commenti, mi piacerebbe sapere cosa sta succedendo con il blog che si aveva intenzione di mettere in piedi e mi va pochissimo l’idea che qualcuno ci abbia forzato la mano, ma siete tutti spariti, compresa twiga, ma prima o poi spero che vi farete sentire.

Intanto torno alle mie faccende e poi al mio dolce far nulla, mentre la pioggia là fuori, insiste….ciao, buona domenica.

Cazzeggiando.

Giornata tutta o quasi dedita al cazzeggio, stremata da questi ultimi sette/otto giorni pesanti, faticosi, in casa e al lavoro, un po’ infiacchita dal caldo improvviso, leggermente scocciata perchè la discussione della tesi di A. slitterà quasi certamente in autunno, parecchio intristita dal dramma birmano (  giustamente di guai non ne avevano abbastanza), ammammoccoluta dalla lista dei ministri e sottosegretari ( mai visto un elenco più fiacco e piatto e servile)…e così ho gironzolato tutto il santo giorno, con una benedetta vaghezza di intenti e destinazioni, così, tanto per snebbiarmi un pochetto, per scrollarmi di dosso la stanchezza, declinando infine, in serata, un invito al cinema per starmene qui tranquilla a continuare il gironzolamento(???) sui vostri blog e a scrivere due righe da spedire all’etere.

Però, qualcosa ho fatto, alla fine, durante i miei vagabondaggi .

 Una buona colazione  seduta a un bar sul lungomare, leggendo finalmente i giornali dopo tanti giorni ( con un certo distacco, però),annusando l’aria ormai calda dell’estate imminente.

 Una lunga sosta in libreria , senza nessuno a dirmi di sbrigarmi ( che goduria) riuscendo a comprare solo un libro uno, Firmino, storia topesca  che mi sembra possa essere un omaggio all’amore per la lettura.

L’acquisto, al mercatino, di una piccola dolcissima sedia a dondolo di vimini da piazzare sul mio terrazzo, tra i miei fiori,a leggere e fare le parole crociate, d’estate e perchè no, a sonnecchiare. La consegneranno in settimana, e , com’ è nella mia natura, sono già impaziente di averla qui, per dondolarmici  pigramente, e sentirmi una perdigiorno.

Il furto, senza scasso, di tre calle bellissime che fiorivano lungo una stradina che sale ai colli ( ce n’erano tantissime, ne ho rubacchiato solo tre,apprezzate la moderazione).

Un pasto semplice e squisito a base di focaccia e farinata appena sfornate, un piacere straordinario .

Una lunghissima chiacchierata con un’amica che avevo un po’ perso di vista, negli ultimi tempi, incontrata davanti a una vetrina di roba etnica, corredata da un caffè, piccole confidenze e molte risate.

Infine, tornando a casa, la lettera  che la bambina indiana che ho in adozione ( o meglio, l’associazione che se ne occupa), provvede a inoltrarmi periodicamente, per informarmi dei suoi progressi a scuola, corredata da un suo disegno. La lettera , scritta in inglese da un responsabile dell’associazione, dovrò farmela tradurre, perchè capisco pochissimo l’inglese, ma mi ha comunque riempita di gioia e ha dato un senso diverso a questa lunga giornata di rilassato far nulla. 

callerubate2.jpg

                                                                                                                                                                            

Assurda

giornata, a lavorare come una matta, poi di corsa a casa con in mente tante cose da fare e invece una telefonata lunghissima ma lunghissima davvero mi ha bloccato tutta la sera. Ma era un’amica e forse si sentiva sola e aveva voglia di chiacchierare un po’, e allora ( gli amici a che servono se no?) praticamente il mio orecchio adesso sembra un cordless ma alla fine lei si è rasserenata, e quindi ne valeva la pena.

Non mi esprimo su questa stupidaggine dell’Alitalia, come volevasi dimostrare i soldi li ha sborsato lo Stato, alla faccia del liberismo.

Non mi esprimo neanche a proposito dei sei lavoratori  che oggi sono morti in giro per l’Italia. sembra che a questa cosa dovremo abituarci, ormai siamo pronti ad abituarci a tutto o quasi. Io no però, m’incazzo ancora.

Formigoni, bossi e fini litigano ma alla fine troveranno il modo di mettersi d’accordo. Prevedo anni turbolenti anche per loro, non solo per noi. Almeno questo.

E la mia vicina di casa ,incontrandomi sulle scale, mi ha detto molto seriamente ” come vorrei che quello stronzo morisse!!!” non vi dico a chi si riferiva, non mi sembra giusto, ma lei l’ha detto con molta convinzione.

 Insomma, storie di ordinaria follia.

Adesso vado a curiosare i vostri blog ,ma ritorno a darvi la buonanotte. Anche se non ve ne frega niente.

Naturalmente..

il-minestrone-003.jpgdi piantare il basilico non se ne parla nemmeno, è troppo tardi e piove ancora. E il freddo potrebbe ucciderlo, poverello.Son qui appollaiata sul mio sgabello, mentre il mio minestrone è quasi pronto e le verdure grigliate si scaldano sul fuoco ( bisogna prepararsi all’estate…niente intingoli !!!!) e la musica di Eddie Vedder mi scalda il cuore ( ma quanto è bella la colonna sonora di Into the wild? anche il film, a dire il vero).

Due o tre considerazioni su quello che sta succedendo nello spettacolino della politica.

A quanto sembra , nel giro di pochi giorni ,hanno detto e disdetto varie cose, tra il nano e la lega. Ma alla fine si metteranno d’accordo e poi si parte con la modifica di qualche articolo della Costituzione, così su due piedi, a colpi di decreto.

In compenso, Confindustria non si è lasciata scappare l’occasione di sottolineare come ormai gli operai si sentano molto più vicini al padrone che al sindacato e questo mi sembra gravissimo. Il sindacato ha le sue colpe (e tante),d’accordo, ma forse avremmo bisogno di darci una regolatina perchè buttare nel c..so tutto quello che ha significato il sindacato negli ultimi cinquant’anni in questo paese vuol dire avere la memoria corta, molto corta.Vogliamo tornare ai favori gentilmente concessi dal padrone e lasciar perdere i diritti? Sono così inca..ata con gli operai che io al posto di Epifani avrei detto a montezemolo di tenerseli stretti, i suoi cari operaietti del cavolo, che tanto al sindacato non servono, visto che poi votano lega. Ma bisogna essere ragionevoli….e capire, anche se mi torna difficile. Una delle prime cose che farà il nuovo governo sarà quella di modificare la legge sulla sicurezza sul lavoro, perchè giudicata troppo rigida nei confronti del datore di lavoro…ed era facile immaginarselo anche prima di votare, no?

Ma forse non pagare il bollo dell’auto risolverà tutti i nostri problemi, e così potremo liberamente girare con i suv che sembrano degli autobus e comprarci due o tre cellulari a testa, perchè la comunicazione si sa che è importante.

Intanto, Lombardo reclama un ministero perchè la lega del sud ha fatto la sua parte…ci sarebbe da sfracellarsi sulla tastiera, diciamola tutta.

E Walter lancia un segnale all’UDC…….mentre la mia paura che anche Roma finisca in mano agli scherani del nano diventa sempre più grande.

La pianto qui, perchè davvero più di dieci minuti al giorno non voglio dedicarli, a questa triste storia che ci accompagnerà per i prossimi cinque anni.

E adesso vado a gustarmi la mia cena e poi, stasera finalmente potrò guardare Lost in santa pace.

A dopo.

Banalità.

foto_primavera_304n.jpgEccomi qua, suonata come una campana, a bere il mio caffè di metà mattina, ripensando a ieri sera, alle schiocchezze dell’avversario di Uolter (ah, che bella trovata, Uolter ,questa di non dire mai il suo nome…) ealla dignitosissima figura  che ha fatto il capo del PD, a parte la questione Bassolino che , in effetti, è un po’ stiracchiata.

E’ sole ed è caldo, nel pomeriggio devo incontrare una persona che non mi va di vedere ma non si può sempre fare i duri e puri, invece avrei voglia di gironzolarmene un po’ , di fare un giro per vetrine…..

comunque, ragazzi, sarà anche banale dirlo machisenefrega …è primavera!!!

BUONA PASQUA!!!!!!!

2183_2006-0174.jpg

Quasi quasi

_borsa-anya1.jpg…..sembra Natale…c’è un vento freddo che non vi dico, ma io sono contenta lo stesso, domani arriva la mia stronzettina adorata, domenica pranzetto con amici ( da me, poi vi dirò il menu’) e lunedì se proprio non diluvia forse una gitarella al mare..ma torno a scuola mercoledì e questo mi rende gaudiosa di per sè.

In casa ci sono uova di cioccolato a iosa , neanche avessi dieci bambini piccoli, bisogna che riesca a farle fuori entro lunedì perchè dopo si incomincia la famigerata dieta, mi viene fame già da ora…un tempo aprivo le uova di nascosto per vedere la sorpresa, poi le incartavo e facevo finta di niente…ora è proprio l’ultima cosa che mi viene in mente. Come si cambia!!!!

Son riuscita a trovare per Ale la famosa borsa ecologica , sono sicura che  l’apprezzerà visto che è così attenta all’ambiente da seguirmi per casa spegnendo tutte le luci ( non è che io non ci stia attenta, è che lei è un po’ maniaca). Così, insieme a un uovo di cioccolato  (rigorosamente artigianale e proveniente da piccolo negozio perchè ” anche quelli devono sopravvivere, mami” e poi ” vuoi mettere la differenza, il piacere del negozietto?”  le  faccio trovare questa borsa carina e utile per lei che gira sempre carica di libri e giornali e fotocamera ecc..ecc..

(Naturalmente, sul rispetto dell’ambiente, ha ragione lei. E mi ha insegnato un mucchio di cose, dagli acquisti solidali al boicottaggio delle multinazionali…)

Ieri è venuto l’omino delle tende, cioè il tappezziere da cui l’altro giorno ho ordinato le tende nuove per il soggiorno e la camera…mi piacciono da pazzi, sono megaromantiche! e così  ieri pomeriggio l’uomo delle meraviglie è venuto a casa armato di metro a nastro a misurare qua e là , con me che gli andavo dietro come un cagnolino, scodinzolando di gioia al pensiero di questi veli celeste-azzurro che invaderanno la mia casa…tra uno scodinzolamento e l’altro ogni tanto salmodiavo la mia richiesta di sconto sul prezzo finale..speriamo bene.

Eccomi qua….

pennsylvania300.jpgdi ritorno, stanca , triste ,contenta di essere a casa. Potrei dirvi che è stata una settimana con poca serenità,come sempre quando torno laggiù, qualche tristezza , qualche risata, molta malinconia. Molti ricordi, qualche rimpianto,a volte un po’ di rabbia.

Mamma sta bene , è già una buona cosa, quanto al resto ne parlerò un altro giorno.

Ho trovato ad attendermi freddo e pioggia ,ma non si può avere tutto.

I vostri commenti mi hanno davvero fatto molto piacere e adesso ,mentre Allevi gira nel lettore cd , vado a dare un’occhiata ai vostri blog.

P.S. Lo so che non ci crederete mai, ma il mio treno ha dovuto fermarsi venti minuti alla stazione di Massa per non arrivare in ANTICIPO.

Ben Harper

raindrops7dl1.jpgHo scoperto dalla prima pagina di kw che c’era Ben Harper a Sanremo e naturalmente me lo sono perso…sfiga nera, probabilmente l’unica cosa decente di tutto il baraccone..ma pazienza. Sono stata a mangiare qualcosa con le ragazze che avevo in ufficio lo scorso anno e mi sono fatta quattro risate, eravamo davvero un bel gruppo e mi mancano. Ma la vita è  tutto un andare e tornare e perdersi e ritrovarsi ,chissà che prima o poi..

Non voglio intonare la litania sulle ultime esternazioni di silvio, tanto da qui al 13 aprile ne sentiremo delle belle e poi casini che tuona contro tutto e tutti,  e uolter che…boh  certi giorni mi rompe un po’ anche lui, non avere scelta  è proprio tragico, e, francamente ,ne ho già piene le tasche di questa campagna elettorale ,proprio non ne sentivamo il bisogno, un altro giro di valzer, uno all’anno, uno sfinimento, un dilaniarsi le palle a raffica senza soluzione di continuità!!!!

Continua a piovere , di quella pioggia lieve , e però la primavera è giusto dietro l’angolo,come una ragazza timida che cerca di entrare in scena in punta di piedi, senza farsi notare, come ormai non si usa più.

E adesso vado quasi a nanna , però devo dire grazie a quei pochi tanti amici di blog che mi scrivono, è una cosa bella e ogni commento mi fa sorridere e mi scalda un po’il cuore .Non scriviamo al vento, infine.

Buonanotte.

….e nemmeno giornata

111243611.jpg…a dire il vero. Alzo solo adesso la testa dalla scrivania, andar via per una settimana mi ha abbastanza incasinato il lavoro ( oltre all’umore) ma tant’è..La mia amica sta meglio e questo mi fa già tirare un sospiro di sollievo, quanto al resto, le brutte notizie  si susseguono una dietro l’altra, la desolazione  ci insegue ovunque dai giornali alla tivù alla rete, non si sfugge più..S. incomincia a odiarmi e questo non mi fa davvero allegria,gli altri passano e tirano dritto, chissà com’è, forse anch’io sono così, boh..e intanto fuori va avanti una giornata uggiosa.

Pinzillacchere.

Domenica se ne va e non so se esserne contenta o no. L’idea di tornare al lavoro, domani, non mi entusiasma particolarmente…poi domani è anche il mio compleanno, quindi….

Il fine settimana mi lascia un po’ così, perplessa e un po’ scontenta….ieri ho dedicato tutta la giornata a S. e, tra un battibecco e l’altro,non posso dire di essermi divertita…continua a non capire ed io continuo a non dirgli con chiarezza inequivocabile che è finita. Sono una codarda,ma credo che in questa codardia ci sia anche una bella dose di stronzaggine, è il mio modo per fargli pagare la delusione. E mi accorgo che, nonostante le mie aspettative nei suoi confronti siano ormai pressocchè nulle, riesce a deludermi ugualmente. Ancora.

Sono andata a vedere Caos calmo e mi è piaciuto molto. Era difficile fare un film in cui non accade quasi nulla ,era difficile rappresentare l’elaborazione di un lutto in maniera così composta. Ne è venuto fuori un buon film,molto delicato, molto tenero, dolce.Moretti è stato assolutamente superbo, senza essere mai sopra le righe, senza morettineggiare più di tanto. Bravo. Quanto alla famosa scena di sesso non ci ho trovato nulla di sconvolgente, aveva un suo senso e non poteva che essere così. Del resto, avevo postato qualche giorno fa la mia opinione rispetto al chiasso che si era fatto intorno a questa cosa. Pure strumentalizzazioni.

Ho finito di leggere (io sono una lettrice esagerata) La solitudine dei numeri primi di Paolo Giordano, opera prima di un giovane autore amico di mia figlia ( si sono conosciuti durante una vacanza studio in Inghilterra e tra loro era nata una bella amicizia che resiste ancora oggi) e l’ho trovato un gran bel romanzo, un po’ triste, forse, ma Paolo mi è sempre sembrato un ragazzo complicato,sono contenta che il romanzo stia andando bene e condivido le recensioni entusiaste che ha ricevuto. Io l’ho trovato di grande maturità e lucidità. Con una piccola punta di crudeltà che alla fine si stempera nella speranza.

Quanto a quello che succede intorno, stasera non voglio parlarne. Sono già abbastanza depressa così.

…e poi…

dimenticavo….molti si chiedevano se in questa campagna elettorale è il caso o no di affrontare questo problema. Io non so rispondere, ma non parlarme mi sembra una cosa stronza. Il problema c’è, si sta ponendo sempre con maggiore evidenza e sappiamo con ragionevole certezza che la destra vincerà le elezioni. Non si può non parlarne, anche se qualcuno sostiene che mettere all’ordine del giorno una legge già esistente è come metterla in discussione. In realtà,a mio parere, è già in discussione, è già nell’agenda di qualcuno. LORO ci hanno già pensato.

Vorrei…

essere un po’ più sveglia ,stamani, ma mi riesce difficile. Allora, in pausa caffè mi dedico a questo bloghino, sperando che mi aiuti a riacquistare un minimo di lucidità.

Ieri, andando a Sarzana in macchina ascoltavo la mia radio preferita, Contatto radio, che trasmette da Carrara e fa parte del network Radio Popolare. Infatti, ieri sera era in onda da Milano perchè l’argomento della trasmissione era la manifestazione relativa alla 194, con interviste e interventi vari. ( Tra parentesi, mia figlia il venerdì sera alle 21,00 ha una trasmissione su RP che a Bologna si chiama Radio Città del Capo,è un trasmissione in cui si parla e si ascolta musica e la conduce tale Enzo coadiuvato dalla mia figliola. Perciò , se siete a Bologna e dintorni, ascoltatela).

Torniamo al punto.

 Ho prestato molta attenzione non tanto alle opinioni dei presenti in studio, quanto alle telefonate degli ascoltatori e alle interviste . Ho dedotto che :

I giovani sono abbastanza distanti da questo problema , non so se perchè danno per scontato un diritto acquisito o perchè talmente disincantati da sentire come inutile e impotente qualunque forma di protesta. In entrambi i casi, mi preoccupo.

Incomincia a farsi strada tra la gente un sospetto e cioè che nessun governo si sognerà mai di rifare un referendum sulla 194 per il semplice motivo che un’abolizione di questa legge non passerebbe mai…ma sicuramente un governo di destra modificherebbe in senso restrittivo la legge. Anche questo mi preoccupa.

Sembra che in molte regioni italiane stia diventando molto difficile applicare questa legge, perchè il 75% dei medici si dichiara antiabortista, perchè altrimenti la sua carriera viene stroncata, oppure lo si utilizza solo e soltanto come praticante l’aborto impedendogli, di fatto, di svolgere la sua professione.Questo non mi preoccupa soltanto ma mi fa anche incazzare. MOLTO.

♥ melodiestonate ♥

Un blog da leggere... .Per chi ha tempo da perdere...♥

Perdere è una questione di metodo

bloggin'utile

Perdere è una questione di metodo

DaNein

L'iberté!!! Hégalité!!! Avv'inazzhé!!!

folletta baci baci

Perdere è una questione di metodo

ilpescatorediparole

Perdere è una questione di metodo

Navigando Controvento

Perdere è una questione di metodo

Daily Godot's Weblog

Quando arriva Godot...

I Care

Perdere è una questione di metodo

Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

angelinablogblog

Perdere è una questione di metodo

ANTANDBUTTERFLY

Perdere è una questione di metodo

lavinia

Perdere è una questione di metodo

Valeriascrive

Perdere è una questione di metodo

Aboccaaperta

Perdere è una questione di metodo

stellablog

Perdere è una questione di metodo

La pioggia di settembre

Perdere è una questione di metodo

pensierini

Perdere è una questione di metodo

miscredente08

Perdere è una questione di metodo