Perdere è una questione di metodo

Archivio per settembre, 2011

Domenica ,finalmente

Aria d’autunno,stamattina,e non dispiace affatto queso cielo un po’ grigio.
Voglia di starsene un po’ tranquilli a leggere,ascoltare musica,dimenticare nell’armadio costumi e ciabattine…..voglia di dormire,di annusare profumi nuovi,di affrontare un’altra stagione,di guardare lo spettacolo della vita che va avanti.

Annunci

Mariastar,ma che c…. dici?

313211_10150338235337855_196502997854_8037043_496862493_n

Riflessioni da bar sport

Mentre tutto va a catafascio,assediati da loschi individui prezzolati e maiali travestiti da uomini di stato, con le zoccole in prima linea a difendere la loro zoccolaggine anzi ,a sfoggiarla su magliette dalle scritte provocatorie (pagate da noi,s’intende),il Presidente Napolitano tira le orecchie a bossi (minuscolo) ecc..sottolineando che la secessione è una cosa fuori dalla realtà e dalla storia. Anche dalla geografia,aggiungo io,visto che la padania proprio non esiste e se la sono inventata lì per lì,a scopo folkloristico ed elettorale,che poi in questo Paese allucinato è la stessa cosa.
Sta diventando paranoico tutto,dal governo che non sa non vuole e non può governare nulla, ma non ci pensa nemmeno a levarsi di torno,all’opposizione che strepita di passi indietro e dimissioni che nessuno darà mai,alla tivù di stato ( di stato?boh) coi proclami di minzolini e ferrara (minuscoli,tutt’e due) che fanno letteralmente vomitare chi volesse ascoltarli (io non ci provo neanche,non ho ammazzato nessuno,non ancora almeno) passando per la 7 e sky e giornali vari,tutti avvitati attorno alle maialate di stato e alle puttanelle di primo pelo,intervistate come delle star,tamarre e ignoranti al punto giusto,così imbevute di questa ormai ventennale incultura da dichiarare tranquillamente “le racchie a casa” (dimenticando,ovviamente,perlomeno due cose e cioè che non necessariamente bisogna avere un bel culo per fare strada nella vita,nella vita normale,intendo,e che non necessariamente occorre essere racchie per non essere puttane)…e se avessimo mai pensato che la legge è uguale per tutti,togliamocelo dalla testa,è chiaro che non è così.Intanto ,lontano dalle luci della ribalta,la fame infuria e il pan ci manca ( o presto ci mancherà) e il popolo sovrano invocato da quel beduino di bossi potrebbe limitarsi a sventolare bandiera bianca e punto.
Ma anche no.
Io intanto ,inevitabilmente,mi chiedo cosa stia passando per la testa a quel beneducato signore che ha avuto la sventura di trovarsi a fare il Presidente della Repubblica nel momento forse più basso,tragico e volgare della nostra storia.Non posso che ammirare il suo senso di responsabilità e il suo spirito di servizio,alla sua età ci vorrebbe niente a tagliare la corda e lasciarci a sbrogliarcela col debito pubblico,i ladri e le puttane e un premier che avrebbe bisogno almeno di qualche (qualche?) seduta di psicoterapia.
Perciò mi viene spontaneo ringraziarlo ,quest’anziano elegante signore che, ripensando al Suo passato e alla Sua storia,non può che soffrire guardando lo scempio che abbiamo fatto dell’Italia,del diritto,della morale e purtroppo anche del futuro dei nostri figli.
P.S.chiedo scusa per il linguaggio piuttosto colorito,ma è anche giusto chiamare le cose col loro nome.

Pensierino della sera

lo affido a Vasco Brondi (Le luci della centrale elettrica)…spero vi piaccia perchè ho intenzione di propinarvelo ancora.

<[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/085xa5n4HnY" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

Succede…

Succede di pensare che quell’arcobaleno che hai visto ieri,tornando a casa,possa improvvisamente cambiare il tuo umore e rallegrarti un po’.
Peccato che poi leggi le notizie del giorno,guardi distrattamente un po’ di tivù, litighi futilmente al telefono con tua figlia,scopri che una persona che credevi amica tanto amica non è,la tua tazza preferita s si rompe (quella con su scritto “la fantasia mette radici dove la realtà vuole morire” comprata a Dublino trecento anni fa)…e allora ritorni ad essere la solita persona antipatica ,silenziosa e irraggiungibile di sempre,col naso dentro l’ennesimo libro,lontana mille chilometri da tutto.

Questo per spiegare il brutto post di ieri sera.
Però,adesso,un caffè.

Pensieraccio della sera

Vi è mai capitato di avere una voglia incontenibile,irrefrenabile di dire a qualcuno un bel VAFFANCULO di quelli che poi non puoi più richiamare indietro e far finta di niente???????

Se tutto va bene siamo rovinati

Cercasi Bruto DISPERATAMENTE!

Domenica d’autunno?

Piove a scrosci e per una volta non mi dispiace affatto….ho voglia d’autunno!!!
E allora me ne sto qui in casa (devo ancora raccontarvi tante cose della mia nuova casuccia che mi piace smodatamente) a preparare un po’ di cosine buone per l’inverno.
Montagne di zucchine,melanzane,peperoni eccc…parmigiane succulente e ripieni già pronti per torte di zucchine deliziose,e peperoni stufati,grigliati…il tutto da infilare nel congelatore pronti per essere ovviamente scofanati dalla fanciullina santa,dagli amici e,perchè no,da raperonzola.
E mentre fuori la pioggia non smette un attimo,mi aggiro beata tra questi profumi di basilico e aglio e peperoni e mi dimentico per un po’ di tutto.

Ieri,ultima giornata al mare…….

settembre-023

Bella solitudine!!!

Non ce la posso fare

No,non ce la posso proprio fare a non imbestialirmi quando mi capita di dare un’occhiata ai giornali e alla tivù.
Ieri sera,ho fatto la follia di guardare su la 7 Piazza Pulita e mi sono venuti nell’ordine,i brividi,il magone,la nausea,la tristezza,la rabbia.
Non se ne può più di zoccole,appalti,intercettazioni,gente che parla come scaricatori di porto,ministri che annunciano tristemente in tivù che con centoquaranticinquemila euro l’anno (+benefit vari…) rimane ben poco per vivere….BASTA.Basta davvero.
Stiamo andando a gambe all’aria,siamo con un piede nella fossa e questi si preoccupano di salvarsi il didietro e stop.
E chiedono al Paese,a quelli che davvero pagano le tasse,di pagarne ancor di più,di fare sacrifici sacrifici e ancora sacrifici.La scuola pubblica è un cumulo di macerie,la sanità non ne parliamo nemmeno,la crisi economica ci ha messo in ginocchio,i nostri giovani le loro lauree e i loro master possono usarli per fare quello che voi di sicuro immaginate…quelli che hanno avuto la sventura di iniziare a lavorare abbastanza giovani si sono beccati tutte le riforme della pensione possibili e immaginabili e pur avendo versato per decenni fior di quattrini per garantirsi una vecchiaia decente,in pensione non ci andranno da vivi,e se mai fosse il loro personale TFR verrà ulteriormente trattenuto dallo stato…e si sta ancora a parlare di zoccole,esili,giovani e belle…e di un signore ormai frollato che le ordina al telefono come fossero una pizza margherita…Basta.
Facciamola finita,in qualche modo.
E davvero,io non ce la posso fare ancora a vederli e sentirli.
Divento pazza.

Sere

Oddio quanto sono triste stasera!!!
Mi preferisco incazzata e mugugnante e invece….ci stanno saccagnando e noi,,,zitti e a cuccia.
Da farti passare la voglia anche di mandarli affanculo.

Buongiorno

Ovviamente si fa per dire,ma facciamo finta che sia solo un film dell’orrore e godiamoci questo scampolo d’estate.Consueta pausa caffè ,dedicata a voi,canticchiando tra i denti il ritornello di Carmen …(viva l’Italia,il calcio,il testosterone,gli inciuci e le buttane in preda all’ormone,a noi ci piace assai la televisione,l’oggetto,dico,esposto in salone)…
e beviamoci un bel caffè macchiato per dimenticare,non potendo darci all’alcool già così di mattina,e magari un dolcetto,per me senza crema,visto che piccole intolleranze alimentari crescono.
fruehstueck1
Non sarebbe male,no?
Ciao,a presto.

Vecchie abitudini

Di nuovo il mio pensierino della sera per voi amici di blog ancora latitanti..
[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/Nt6Q066C-Qc" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

Le parole per dirlo

E’ difficile dire qualcosa davanti allo scempio che ci circonda…ho dato un’occhiata a qualche post di solo un anno fa,forse meno,e il disgusto,lo sdegno che ci spingeva (me e voi) a scrivere parole pesanti contro questo governo mi fanno quasi tenerezza.
Quello che è successo dopo,quello che sta succedendo…merita parole di fuoco e io temo di non averne a portata di mano,parole sufficientemente grosse e terribili per esprimere i miei sentimenti al riguardo….pensavamo di aver toccato il fondo,e invece no,il fondo era di là da venire,il ridicolo nostro personale è ormai planetario e non è ridicolo,è tragico.
Travolti.
Non trovo un altro aggettivo per descriverci,noi italiani.
Distrutti.
O forse è che le parole non servono più,non bastano più per affrontare la rovina economica,sociale,politica e morale che ci ha ormai schiacciati e ridotti a sudditi desolati di un gruppo di malavitosi irresponsabili e viziosi.

E quel che è peggio è il dubbio che il fondo,quello vero,non l’abbiamo ancora visto.

Ma mi avete abbandonata????

Cattivi.
Allora niente caffè.

Pensierino della sera

Eccomi a mantenere la mia promessa con questo dolce e bellissimo[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/1emgUdD3_pE" width="425" height="350" wmode="transparent" /] pensierino della sera

Ciao,ragazzi

eccomi qui,ben decisa a riappropriarmi di questo spazio che per troppo tempo ho trascurato,correndo dietro a sciocchezze insulse…ci siete ancora?chissà…avrei milioni di cose da raccontarvi e altrettante dovrei sentirne da voi,ma intanto mi accontento di un saluto,di un sorriso di gioia per la ritrovata voglia di essere qui con voi,per aver capito che troppo tempo ho passato qui per andare a cercare altrove!!!!
A stasera,o stanotte,perchè vado a cena fuori,per riprendere il filo di un discorso malamente interrotto,per ritornare a quel buffo pensierino della sera che forse a voi non è mancato,ma a me,me ne rendo conto adesso,sì.

La Spezia,oggi.

302259_2379290328792_1446670490_32770726_1265002_n1

♥ melodiestonate ♥

Un blog da leggere... .Per chi ha tempo da perdere...♥

Perdere è una questione di metodo

bloggin'utile

Perdere è una questione di metodo

DaNein

L'iberté!!! Hégalité!!! Avv'inazzhé!!!

folletta baci baci

Perdere è una questione di metodo

ilpescatorediparole

Perdere è una questione di metodo

Navigando Controvento

Perdere è una questione di metodo

Daily Godot's Weblog

Quando arriva Godot...

I Care

Perdere è una questione di metodo

Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

angelinablogblog

Perdere è una questione di metodo

ANTANDBUTTERFLY

Perdere è una questione di metodo

lavinia

Perdere è una questione di metodo

Valeriascrive

Perdere è una questione di metodo

Aboccaaperta

Perdere è una questione di metodo

stellablog

Perdere è una questione di metodo

La pioggia di settembre

Perdere è una questione di metodo

pensierini

Perdere è una questione di metodo

miscredente08

Perdere è una questione di metodo