Perdere è una questione di metodo

Archivio per febbraio, 2011

E poi..

…qualcuno che gli dica tranquillamente  e  PUBBLICAMENTE,

nei vari salotti televisivi,

SILVIO, SCIACQUATI BEN BENE LA BOCCA PRIMA DI PARLARE DI SCUOLA E DI FAMIGLIA

qualcuno capace di farlo, di dirgli una cosa semplice, terra terra, come questa, ma vera e incontestabile…….dirgliela senza fiocchi e volants,freddamente

 NON ESISTE????

Annunci

Che buongiorno…

Ricomincia la settimana…io continuo a sentirmi una pietra al posto del cuore, il veleno cresce come un’erbaccia dentro di me e pian piano mette radici…e passo dal dolore per una bambina ,ancora e ancora, uccisa a coltellate, all’ammirazione  per un popolo che lotta e non conta nemmeno i morti, alla rabbia per un Paese che lascia dire e fare ogni cosa al suo proprietario,all’opposizione (?) che non sa o non vuole smetterla di guardarsi alle spalle o in casa per dedicare un po’ di tempo alla gente, per DARE VOCE a quelli che NON NE POSSONO PIU’..all’insofferenza per una Chiesa che riesce ad essere , in questi momenti, PEGGIORE di SEMPRE, e non era neanche tanto facile…

E così non ho neanche più voglia di riversare su questo blog tutta la mia insofferenza e frustrazione ….e neanche di offrirvi il solito caffè…ma sento che non posso perdere i contatti con voi e non voglio.

Perciò beviamo il nostro caffè e cerchiamo da qualche parte un sorriso, un po’ di allegria.

Ma il cuore diventa sempre più duro , 7068601-close-up-di-caff-versato-su-sfondo-bianco1altro che buongiorno, altro che caffè…

Riflessioni

Mentre assistiamo inorriditi al massacro del popolo libico che lotta contro un miserabile dittatore pazzo e sanguinario e chiude il suo delirante discorso con un invito ad andare a divertirsi e a ballare, ci tocca anche sentire lui, il nostro capo, quello che nonostante la crisi ha incassato 118 milioni di dividendi, ironizzare e prenderci per i fondelli ….. “Oggi sono entrato in parlamento e anche la sinistra voleva venire a fare il ‘bunga bunga’, mi hanno accolto al grido ‘bunga bunga’…” dice durante la presentazione della Fondazione Zeffirelli.  Il sottosegretario Gianni Letta cerca anche di ‘stoppare’ il premier, che invece continua il suo intervento: “Sapete cos’è il bunga bunga? Vuol dire ‘andiamo a divertirci, a ballare, a bere qualcosa’. Anche la sinistra è stata convinta a questa mia visione della vita”.

Le immagini sanguinose che riescono ad arrivare fino a qua, per le vie misteriose dell’etere, mi addolorano profondamento e tutto il mio cuore è accanto a chi sta lottando per un futuro migliore ( che rischia di non esserlo affatto,comunque vada) ma intanto mi cresce dentro la malapianta dell’odio verso questo stronzo che non solo ci sta portando alla rovina, ma ci ride anche sopra.
 

Non so domani…

libia-free

Non c’è più religione

Il nostro Presidente del Consiglio ha dato del pazzo al suo amico fraterno Gheddafi!!!!

Pane e coraggio

L’ho già postata ma insisto.

E’ il mio penZierino della sera.

Molto triste e bellissima.

E molto attuale,soprattutto.

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/LhPg6ZFZ3TQ" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

P.S.Stella, stasera ho fatto la brava, hai visto????

Becchi e bastonati

http://concita.blog.unita.it/becchi-e-bastonati-1.273742

Anche questa rubata su FB

La  migliore  analisi  politica  degli  ultimi  venti  anni.

181786_193816923971006_100000280982944_647936_2101199_s1

Ciao

E adesso , anche la Libia brucia……e mentre stiamo a guardare, un intero pezzo di mondo nel giro di quindici giorni è andato a ferro e fuoco..

Le  parole si esuriscono, una alla volta, man mano che leggo il giornale, che guardo le notizie in rete…l’Italia è ancora occupata a guardarsi l’ombelico ( anzi a guardare quello di mignotte varie), s’è appena ripresa dalla sbornia sanremese, deve ancora sapere se il suo signore e padrone  si salverà dal complotto dei giudici..e intanto il mondo va avanti…

…e qui davvero diventa vitale, ‘na tazzulella  e cafè..

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/LjQ0_KIPSkE" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

Buongiorno... e buona settimana.

Tanti auguri a mee…

Divento vecchia.

Malumore già al mattino, speriamo migliori in giornata, come il tempo.

Nel pomeriggio arriva la figlioletta santa.

Ricevo molte telefonate e molti messaggi di auguri.

Ma divento vecchia lo stesso.

Potrei diventare così, una mite vecchietta a dondolo…vecchietta20a20dondolo1

 

oppure così …………………………vecchietta21…………………………….un po’ eccentrica..ma con un bel paio di ballerine rosa….

….o ancora così……………………………………………………………..vecchietta11……………………..una vecchia fricchettona mezzo intossicata!!!

Comunque, si vedrà…intanto ..tanti auguri a mee, tanti auguri a meee, tanti  auguri rape, tanti auguri a meee….

In questi posti davanti al mare

180021_203570336324461_125017774179718_818204_3422860_n1

Sono stata un po’ assente, in questi giorni.

Ma sono ancora qui, in questi posti davanti al mare,  a pensare, sperare, sognare…fare i conti con la vita passata.

Domani è il mio compleanno.

Giorni di bilanci, di consuntivi, di ricordi…e mille altre cose.

Però, restate qui con me, davanti al mare.

Un caffè???

22_09_201020133913_11

La Spezia, oggi pomeriggio

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/2AVtmqp98gg" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

13 febbraio 2011

111152709-dc12b634-1d46-4f5a-880c-b5a2bf39d0d71

L’Egitto, anche solo per stasera, può festeggiare.

Mubarak si è dimesso.

Diciotto giorni son bastati.

Ovviamente ne sono felice.A volte, il popolo , quando decide, decide davvero.

Mi chiedo molte cose , però, adesso….chi ci metterà sopra il cappello???

Finirà come in Iran che mandato a casa lo Scià si son ritrovati glia yatollah? e in questo caso, con le debite differenze, cosa succederà  in Medio Oriente? Il fragile argine di pace verso Israele, reggerà?E gli egiziani, passeranno da un dittatore a uno peggiore?

Non so, non voglio pensarci, adesso.

Adesso voglio solo pensare a quella piazza immensa che esulta, magari domani piangerà, lacrime e sangue, come si dice, ma stasera no, stasera ha mandato a casa il tiranno, stasera ha vinto.

Fameee…

focaccia-al-rosmarino1

Ne ho abbastanza

Dopo aver letto di  GOLPE MORALEINCHIESTE DA GERMANIA COMUNISTA ho deciso che ne ho abbastanza.

Mi ci vorrebbe un altro giro di shopping!!!!

Ma che dobbiamo fare per levarcelo di torno??? Internarlo???

Zia Mariella

 Dall’Unità del 9 febbraio 2011

Zia Mariella scrive al premier:

mi dimetto da cittadina

 

di Manginobrioche 

 

«Egregio Presidente del Consiglio,

è la prima volta che Le scrivo, ma non si preoccupi: non voglio chiederLe nulla. Lei in realtà mi dovrebbe tutto, visto che il Suo mestiere di premier sarebbe provvedere a noi italiani, specie a quelli che sono ultimi o penultimi.

Io sono anziana, pensionata minima, calabrese; dopo di me ci sono forse solo gli invalidi, gli anziani non autosufficienti, le mamme single extracomunitarie. O forse no: la linea degli ultimi non si vede mai con chiarezza, ma in compenso si vede molto bene la linea dei primi.

Per carità, non pensi che sono invidiosa: ho capito che non abbiamo le stesse idee su cosa significa essere felici e fortunati, io e Lei (lo sa che siamo coetanei? Anch’io ho 74 anni. Però, a differenza di Lei, io sono giovane sul serio: è una questione di cuore, di anima e quindi di pelle, e non posso spiegarglieLa a parole Sue).

Le scrivo per dirLe che ho sbagliato. Credevo, in questi 74 anni, d’aver costruito un altro Paese. Un Paese che non ha paura della realtà, tanto da nascondersi nelle bugie e nella tivù. Un Paese che non ruba ai vecchi per non dare ai giovani. Un Paese dove le donne vengono riconosciute per quello che sono: i pilastri e il sale della Terra.

Ho sbagliato e, a differenza di Lei, mi prendo le mie responsabilità: mi dimetto da cittadina di questo Suo Paese.

Probabilmente non ho lottato abbastanza, visto che le regole in cui credevo non valgono più nulla, e Lei offende ogni giorno la mia intelligenza pretendendo che creda a ogni menzogna perché Lei “è stato scelto dal popolo”: io sono il popolo, e non L’ho mai scelta. Ma con la legge truffa Lei s’è preso i voti di tutti, e s’è eletto il Suo, di popolo. Ecco, io non voglio starci. Accetti le mie dimissioni».

Firmato: zia Mariella, Calabria, Italia. Un’altra Italia.

Mi viene in mente il mio post in cui dicevo che mi disitalianizzavo…

Era solo un film ( nel 2006)

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/AXMezbDSSrM" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

Ancora Lui

” Sono un ricco signore che potrebbe costruire ospedali per i bambini”.

Vero. Un anziano ricco signore che potrebbe costruire ospedali per i bambini …e invece passa il tempo a continuare a far soldi, a evadere le tasse, a far finta di governare mentre in realtà tutela i suoi interessi e si tiene fuori dal gabbio e ,se non bastasse, passa le serate a fare bunga bunga, cosa di cui non me ne importerebbe di meno se non che

–  Non è bello sapero che questo anziano ricco signore è malato di satiriasi,

– Non è opportuno che chi occupa una carica così alta nello Stato  sia ricattabile da qualunque signorina  un po’ allegra,

– Non mi piace la figura di vera autentica cacca che stiamo facendo in tutto il mondo.

– Mi fa incazzare come una iena sapere che quelle tali signorine , poi, quel ricco anziano signore che potrebbe costruire ospedali per bambini, le sbologna nei posti pubblici e le paghiamo NOI.

Allora, ricco signore che potrebbe costruire ospedali per bambini, ti vuoi levare di torno, una buona volta???

Gli italiani sono rincretiniti, ma se rinsaviscono…altro che  ospedali per bambini.

Pensaci.

♥ melodiestonate ♥

Un blog da leggere... .Per chi ha tempo da perdere...♥

Perdere è una questione di metodo

bloggin'utile

Perdere è una questione di metodo

DaNein

L'iberté!!! Hégalité!!! Avv'inazzhé!!!

folletta baci baci

Perdere è una questione di metodo

ilpescatorediparole

Perdere è una questione di metodo

Navigando Controvento

Perdere è una questione di metodo

Daily Godot's Weblog

Quando arriva Godot...

I Care

Perdere è una questione di metodo

Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

angelinablogblog

Perdere è una questione di metodo

ANTANDBUTTERFLY

Perdere è una questione di metodo

lavinia

Perdere è una questione di metodo

Valeriascrive

Perdere è una questione di metodo

Aboccaaperta

Perdere è una questione di metodo

stellablog

Perdere è una questione di metodo

La pioggia di settembre

Perdere è una questione di metodo

pensierini

Perdere è una questione di metodo

miscredente08

Perdere è una questione di metodo