Perdere è una questione di metodo

Pensierino della sera.

Che faccio, incomincio con  Boffo e Bagnasco? con gli alti prelati che cenano con l’uno o con l’altro perchè non sanno più da che parte girarsi?

O preferite due righe ( righe scritte,specifico)  sulla querelle con l’UE e i suoi portavoce?????

Divago parlando del lodo Alfano e di un qualunque Ghedini o Ghedoni che troverà un cavillo per renderlo, chissà come, accettabile dalla Consulta???

Ridiamo un po’ dell’assessore leghista che sposa in dialetto e lascia la sua voce registrata sul numero del comune in puro lumbard?

Facciamo i conti con i precari della scuola e con la scuola pubblica che non c’è più?

Oppure ci incominciamo a chiedere che razza di posto è diventato mai questo,dove prendiamo i gay a colpi di bombe????

E magari organizziamo una bella lotteria per vedere chi indovina a chi toccherà dopo gli immigrati, i meridionali e i gay?????

Commenti su: "Pensierino della sera." (20)

  1. ai comunisti…che discorZi…

  2. coccoina ha detto:

    Ma a tutti quelli che tu hai elencato tocca, raperonzola, più quelli che per mancanza di spazio hai tralasciato ma ci sono, si vede; tutti insieme o uno alla volta: a piacere. Non è vero che a chi tocca tocca, tocca sempre ai soliti, quelli che stanno o ce li tieni e non gli piace, sotto: qualche volta è capace di cambiare un po’ la metodica, lo stile, l’urlo, il bastone, la guerra, la bomba. Ma la susta è la stessa.
    .
    Ci vuole che bisogna che tu agguanti strinta la poltrona, lo scranno, il piedistallo: allora è anche capace che sei te quello che gli tocca, quella volta, di dire a chi tocca.
    .
    Un saluto mesto.

  3. il segno che ormai siamo al degrado morale è tangibile, una sorta di non ritorno,
    mi chiedo…c’è dell’altro???

  4. coccoina ha detto:

    Buon giorno tutto il giorno.
    Ho visto or ora che sembra che io abbia, raperonzola: t’ho lasciato due righe sull’in’utile—chiaro che ancora sto a scrivere di naso, fintanto che mi cresceranno dita dai moncherini, se non altro.
    Ciao. Paolo

  5. ciao Paolo, ho letto…e torna a scrivere con le dita, dai…..

  6. vabbé, ma tu infierisci però!!!

  7. Ci sono persone che auspicano la democrazia soltanto quando non sono al potere: poi, una volta al potere, sono spietati nel sopprimere i diritti altrui.

    – rispettare i diritti delle minoranze
    – mettere gli interessi del popolo al di sopra dei propri interessi e del proprio partito.

    Senza questi elementi fondamentali, le elezioni da sole non creano una vera democrazia.

    Barack Obama. Cairo giugno 2009.

  8. Sintesi magistrale, cara Rape. Ecco, dovremmo ricordarci che non siamo bestie, ma persone. Ce la faremo?

  9. coccoina ha detto:

    Annuntio vobis gaudium magnum; habemus Papam: Eminentissimum ac Reverendissimum Dominum, Dominum Josephum Sanctae Romanae Ecclesiae Cardinalem Ratzinger qui sibi nomen imposuit Benedictum XVI…ci mancherebbe!; invece, gaudium minimum, annuntio tibi, raperonzolae; ti dico in tono minimo d’aver trovato l’arcano che ha sortito fuori il fatto che io sia cattivo: si dà il caso che io abbia detto al signor Blogger Eminentissimum Layout di tenere in format solo i tre ultimi post; cosicché il tuo ‘dagli al cattivo’ mi sfuggì—è tutta colpa di Layout – lo metto in tasca a lui secondo usanza, a livello aspirapolvere Cultura, come si fa e che fanno tutti: e io chi sono? -, tutta colpa di quel coso con quel nome che ti vien voglia d’andare al cesso che ti scappa un layout. Ecco.
    .
    Un abbraccio.
    Paolo

  10. @angelina, non so. Non ci credo più.

  11. coccoina ha detto:

    …sì, buona e remissiva, la raperonzola che, come una gatta, allunga e sembra ti carezzi a zampa di velluto, prudente tastando: la docile tigrotta, la compassata leonessa che lo sa lei, lo sa, come si fa…
    Ciao, tenace e simpatica amica.
    .
    Certo che quell’uso furbo d’evocare, anche solo a rumore, rimbrotto basta la parola: lo senti come suona? cosa evoca? Somiglia da vicino all’altra arma tremenda, quella che ogni tanto vien tirata fuori di donna, e dice: ‘sei sempre il solito’, senza scampo.
    Lo vedi: ma lo vedi di come tu sei birbante?

  12. birbante io????ma no Coccoina,sono una tenera pulzella….

  13. coccoina ha detto:

    …sì, ma che se tu non stai attento, scrupolosamente, ti precipita distrattamente giù dalla sua torre…
    .
    Alle 21:21, dleng!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Cloud dei tag

♥ melodiestonate ♥

Un blog da leggere... .Per chi ha tempo da perdere...♥

Perdere è una questione di metodo

bloggin'utile

Perdere è una questione di metodo

DaNein

L'iberté!!! Hégalité!!! Avv'inazzhé!!!

folletta baci baci

Perdere è una questione di metodo

ilpescatorediparole

Perdere è una questione di metodo

Navigando Controvento

Perdere è una questione di metodo

Daily Godot's Weblog

Quando arriva Godot...

I Care

Perdere è una questione di metodo

Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

angelinablogblog

Perdere è una questione di metodo

ANTANDBUTTERFLY

Perdere è una questione di metodo

lavinia

Perdere è una questione di metodo

Valeriascrive

Perdere è una questione di metodo

Aboccaaperta

Perdere è una questione di metodo

stellablog

Perdere è una questione di metodo

La pioggia di settembre

Perdere è una questione di metodo

pensierini

Perdere è una questione di metodo

miscredente08

Perdere è una questione di metodo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: