Perdere è una questione di metodo

Archivio per giugno, 2009

Difficile dire buongiorno…

…….la tragedia di Viareggio mi ha lasciato senza fiato, e scoprire che gli aerei continuano a cadere come le mosche mi mette un po’ di ansia….insomma, un brutto modo di iniziare la giornata.

Solo un caffè con un cornetto consolatorio, per cercare di accettare che la vita è anche e soprattutto questo.

(Anche se l’idea di bambini carbonizzati e persone disperse , vite distrutte in pochi minuti, non mi va proprio giù).

Annunci

Facciamo gli scongiuri.

Il Sire dice che il suo è  l’esecutivo più sicuro( presumo intendesse dire solido) dell’Occidente.

Potrebbe anche avere ragione.

Meditate, gente, meditate.

Una pentola sotto le stelle.

Sabato sera, dopo il mare, io e la fanciulla siamo state a gironzolare un po’ per Sarzana e , alla fine, ci siamo accomodate al tavolino di un ristorante , in piazza Calandrini…appena aperto ,è di proprietà dell’amica di un’amica……. abbiamo assaporato il piacere di guardare la gente passarci accanto e di guardare le stelle, il profumo delle sere d’estate….e davanti  a ciascuno di noi una pentola piena di muscoli o cozze, chiamatele come vi pare, assolutamente squisite. moulles311

Le piccole, piacevoli cose che rendono la vita particolarmente bella, a volte.

Di corsa.

Soltanto un velocissimo buongiorno, incalzata  da una mattinata un po’ frenetica.

(Vi racconterò poi di questo weekend di sole, caldo, mare, sabbia, profumo d’erba, 7c1650f811_1308436_med1chiacchiere con la piccola e cenetta in piazza a Sarzana…).

Intanto, un buon Lunedì e un caffè. Di corsa.

Che donna curiosa!!!

Intanto che infilo il costume e mi immagino già in spiaggia, la mia mente contorta continua a farsi una domanda…

…Ma cosa vorrà mai dire con : ” Bisogna chiudere la bocca a chi parla….   ecc…. ecc …..ecc…” ???????

                                                     

                                                                                    

 ilpadrino_foto13

 

Scusami Marlon.

Un soffio d’aria pulita.

Domani pomeriggio arriva la piccoletta.

Incomincia ad essere un po’ meno soddisfatta di quello che fa , i contratti a tempo la preoccupano e le collaborazioni diminuiscono. C’è la crisi. E lei comincia a scalpitare, ad agitarsi. Le ho consigliato di guardarsi intorno e pazientare. La strada è in salita, ma sono certa che tutto si risolverà.

Però oggi , nonostante la voglia di sicurezze (lavorative, intendo) che improvvisamente la incalza, ho capito che è davvero la ragazza speciale che ho sempre pensato che fosse. Perchè mi ha raccontato di un colloquio mancato, di un no che ha detto senza rimpianto, senza pensarci due volte.

” Non lavorerò mai in un periodico che mette in prima pagina titoli che lodano Silvio e i suoi e indicano Repubblica come un giornale eversivo, non ci penso nemmeno. Piuttosto, quando e se sarà necessario preferisco andare a lavare delle scale. Tutto  mi si può chiedere, ma non di dimenticarmi davvero e per sempre imglucy1chi sono.”

Scusate, ma stasera mi sento molto molto orgogliosa.

Forse non ho sbagliato proprio tutto tutto.

Quella della notte…di nuovo.

E così si spiega perchè al mattino sono sempre di malumore….però stasera ho fatto tardi con allegria, e non per mancanza di sonno…è solo che abbiamo anticipato l’aperitivo del venerdì e poi, considerata la stagione che ci fa star fuori volentieri, noi,  le solite sciammannate aperitivifole, abbiamo deciso di fermarci in città, al molo ,dove una cooperativa di pescatori ha messo su un posticino niente male, con tavolini all’aperto e la possibilità di gustarsi seduti  davanti al Golfo, un po’ di fritturina di acciughe e pescetti vari, insalata di polpo con patate, due spaghetti allo scoglio e cose così, molto informalmente e a prezzi modicissimi. A fianco, la pescheria aperta fino a mezzanotte, per chi volesse far la spesa per il giorno dopo e appena un po’ più in là, il baretto ….Una cosina simpatica e veloce, e così la serata è stata piacevolissima e mi ha un po’ disintossicata dalla giornata di lavoro oggi  stressante e incazzosa, diciamo che ha funzionato da terapia vista l’emicrania che nel pomeriggio non mi ha dato tregua.

E però, c’è sempre un però, il quadretto idilliaco  di cui sopra , mi viene immancabilmente sciupato dalle cose che mi capita, en passant, di leggere.

Perciò, ho deciso di scrivere una letterina al nostro signore e padrone, due righe senza importanza, ma che mi nascono proprio dal cuore.

Maestà, Sire, mi rivolgo a Lei col massimo rispetto e grande deferenza…..gli italiani La vogliono così?????

Buono, sincero, leale e che mantiene le promesse????

E’ proprio sicuro di aver bagliato ospiti,  Lei, grande intrattenitore???? E da quando in qua gli ospiti si pagano????

E da quando in qua un uomo buono, sincero, leale, minaccia un gruppo editoriale invitando a non dargli più pubblicità perchè si permette di scrivere sui giornali quello che succede davvero nei suoi palazzi?????

 Se ha soltanto sbagliato ospiti, Sire, non è un problema che ce lo raccontino, no??

 Noi, sudditi fedeli, La amiamo tanto da voler conoscere ogni risvolto della Sua vita, siamo felici di conoscerLa un po’ più da vicino…e non è per cattiveria che ci interessiamo delle Sue feste e dei Suoi invitati. Non è stato forse Lei, nella Sua generosità incommensurabile, a inviarci a casa, a Sue spese, quel magnifico fotoromanzo in cui ci raccontava la Sua vita????Allora, adesso, Sia generoso come allora e continui a raccontarcela, questa Sua vita faticosa e tutta dedicata a noi e al nostro bene. O almeno , lasci che lo facciano altri, al posto Suo.

 Perchè vuole privarci di una così ineffabile gioia ?

Non voglio tediarLa oltre, avrà di certo mille altre cose da fare, però mi sento l’obbligo, stasera, di dirLe ancora una cosa, piccola e insignificante e banale, forse, ma…

…………se gli Italiani La vogliono così, Maestà, Sire, Signore e padrone di tutti noi, ecco…io vorrei tanto che Lei sapesse che qualunque cosa ci sia scritta sulla mia carta d’identità, passaporto, patente……io da stasera non sono più Italiana. Nemmeno un po’.

Senza offesa.

E così, mi sono disitanializzata, e non se ne parla più.

Buonanotte.

Buongiorno….

….e adesso il prossimo passo sarà quello di far fallire i giornali che fanno i giornali davvero?????

Già di malumore per mio conto, leggere di corsa due o tre cosette abbastanza rivoltanti, come sempre, che il Sire ha dichiarato con la sua faccia arancione e con quei sorrisi a sessantaquattro denti che i pugni te li vengono a cercare fin dentro casa, mi butto su un caffè macchiato con tanto zucchero perchè veramente non trovo più parole. E insieme al caffè , un bel cornetto, va’, crepi l’avarizia.

Quella della notte….

…..sono io , come al solito.E chi ne paga le conseguenze è questo povero blog……Mi è piombato in casa un amico invadente e logorroico, ma a cui voglio un gran bene e così, tra il lusco e il brusco,s’è fermato a cena, poca cosa, freselle  calabresi con pomodori, bistecca e insalatina e un gelatino, giusto per finire. Poi, dopo un grappino, l’ho spedito , sperando che lungo la via non incontri le forze dell’ordine pronti a ritirargli la patente per due bicchieri di vino e il suddetto grappino ( al ginepro, buonissimo, comprato durante una delle varie spedizioni in Garfagnana).

E adesso eccomi qui a cazzeggiare sul blog, in ora tarda, da cattiva ragazza che dovrebbe essere a nanna, perchè domani, altro giro altra corsa, un’altra giornata furibonda in ufficio. Però il buono della serata è che mi sono perse le ultime del nostro signore e padrone, così stasera niente ringhi e mugugni, solo un piccolo saluto , una buona notte e una bella fresella calabrese, fotografcimg47361ata così bene che tutti capirete che l’ho rapinata qua in giro, googleggiando.

Per Coccoina….

….uomo di poca fede!!!!!

E così, anche il plumbago è fiorito!!!!! E se fai un solo commento sulla pessima qualità delle mie foto ti uccido!!!!fiori-0331

Ah, Veronica, donna crudele.

Perchè fai soffrire così il nostro Sire????

Donna ingrata, come tutte le donne, del resto  ( comprese quelle che adesso, pomposamente, si chiamano escort).

Cosa ti costava metterti un costumino da Babbo Natale?????

Per Stella.

Un grandissimo augurio per il tuo compleanno…..torta_21

Che cosa resta.

E questa va bene per tutto, amori( il solito, andato a male come uno yogurt scaduto),  amicizie (qualcuna particolarmente deludente e amara), storie varie e politica (l’inciso qui  non occorre, è evidente).

Scegliete voi.

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/aREELT501QE" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

Raperonzola abbronzata…e un po’ triste.

….eccomi di ritorno, già abbronzata e con gli occhi pieni di azzurro, anche se in lontananza qualche nube sui monti minacciava pioggia….ho dato un’occhiata all’hp di repubblica, solo di striscio a dire il vero….il tempo di leggere che i barbari e il cattolico fighetto esultano, che papi festeggiava con donzelle travestite da Babbo Natale (quasi quasi m’intenerisco…), che è deragliato un treno, che in Iran continuano ad ammazzarsi,che le borse crollano  anche oggi ( ormai, è un crollo continuo,no?) e che forse siamo riusciti a non regalargli la provincia di Torino……

…………….stasera ho una cena con amici, perciò se abbiamo perso Bologna spero di scoprirlo sul tardi…

Comunque alla fine non sono andata a votare per i referendum,anzi,mi sono tenuta ben alla larga dalla piazza dove c’è la scuola dove voto, meglio non correre rischi, mi sono detta…..e però alla fine, rimane solo una grande amarezza, non abbiamo più nulla da dirci, nemmeno attraverso il voto….peggio di così ci sono solo le fucilate……

Lunedì…ti ho fregato!!!!

fxcanu8872cafobwe6cak2xzupcaxx8qluca7b82ssca6bkppkcaybwcgocaqwqjvlcaz64ok1ca10tb02cah5gfsvca59c5umca16ytveca0eq7f1ca3q3bvicadfu6q5catnnnbecale8dkh1Oggi è lunedì, ma oggi Raperonzola non lavora, scuola chiusa perchè sede di seggio….ahh che bello non lavorare di lunedì, mi sembra quasi di aver fregato il tempo che è una cavolata, perchè è sempre il tempo a fregare noi.

Ma oggi Raperonzola se ne va al mare, col suo libro sotto il braccio, e se ne sta tranquilla sotto l’ombrellone, dopo aver fatto colazione in spiaggia.

E niente giornale, oggi Raperonzola non si incavola, non si indigna, non brontola.

Fa ,semplicemente, la Raperonzola.

Me ne vado al mare.

img_91941Il tempo non è proprio bellissimo, là fuori, ma il sole c’è, insieme a un vento esagerato,ma mi rifiuto di non andare al mare dopo una settimana passata a lavorare come una dannata con 35°!!!!!

Perciò vi auguro una spendida domenica e una colazione tranquilla e rilassata, da veri signori.

Speculare sui morti.

Reduce dalla solita piccola baldoria alcolica del venerdì (abbondante aperitivo tra amiche semidementi ormai) mi accascio sulla tastiera perchè leggere che sono gli abruzzesi a speculare sui morti (i loro morti,stronzo) mi fa alzare di parecchio la pressione (sarà il discreto tasso alcolico), mi fa sentire ancora più caldo, mi fa venire voglia di sputare fuoco e fiamme, gentilmente, come scrive Coccoina, mi si attorcigliano le budella…..

Liberateci, vi prego ( non so chi come quando ma prego lo stesso) liberateci perchè ormai NON SE NE PUO’ PIU’!!!!!!

Questa incredibile capacità di capovolgere i fatti, di mescolare le carte con una faccia di bronzo che non ricordo di avere mai visto in giro, questa spudoretezza, mi fa letteralmente infuriare…..ma qualcuno glielo dirà prima o poi di stare zitto? di smetterla? di guardarsi nello specchio e vomitare?????

Lo so che mi ripeto, ma francamente me ne infischio…..ma perchè ci è capitata questa cosa orrenda, invivibile, intollerabile?????

Perchè?????

La morte civile di un intero Paese.

Insomma, tra ville da centomila (euro) al mese, feste, balli e pupe, con qualche sniffata di coca, qua e là, viene da chiedersi se è tutto uno scherzo, mentre l’economia affonda e saltano altri duecentomila posti di lavoro.

Ma così non è, purtroppo, e se il satiro si autodistruggerà ( credo poco anche a questo), le rovine comunque ce le beccheremo noi, e i calcinacci finiranno di sommergerci…da un mare di m…. a un mare di guai.

Per la milionesima volta mi e vi chiedo : come abbiamo fatto a ridurci così????

Dove come quando abbiamo scelto di infilare la testa nel forno a gas e girare la chiavetta su on?????

Io non ho risposte da dare, e voi????

E i referendum?????

Eccomi a vagare di nuovo per casa, davanti al pc, forse solo per darvi la buonanotte, forse perchè tra il caldo e l’inquietudine, continuo a girellare un po’ a vuoto.

Ah, le donne…mai che si dessero pace!!!

(E poi mi sono venuti in mente i referendum. Che ne facciamo , di questi referendum???Ditemi un po’ voi cosa ne pensate , io sono un po’ perplessa e indecisa, aspetto pareri, opinioni, consigli…)

Così è meglio andarsene a dormire, intanto che la sera diventa notte, prima di incominciare di nuovo a pensare davvero.

Stasera, faccio la brava ragazza.

Buonanotte.betty-boop

Un po’ di fresco.

Mentre skynews borbotta in sottofondo ho risposto ai vostri commenti cliccando su quel ‘ replica’che adesso appare se ci  passo il mouse ( sì, sono un po’ impedita, uso  il mouse con il portatile, pazienza)… e ho letto un po’ di voi, in giro per i blog…..di questa nuova piattaforma ho capito ancora poco ma non c’è da meravigliarsi, io non faccio testo. Però stasera mi risparmio  le brutte notizie e vado fuori, su quel terrazzo di cui si discuteva prima con Coccoina,a godermi un’aria un po’ più fresca che gli alberi vicini e il fiume non troppo distante mi regalano, a volte.  Qui dentro è già troppo caldo, ma il mio animo vagamente ecologista mi impedisce, al momento ,di accendere l’odiato condizionatore.

La mia sedia a dondolo mi aspetta, tranquilla.

La buonanotte a più tardi, magari con le ali, chissà

♥ melodiestonate ♥

Un blog da leggere... .Per chi ha tempo da perdere...♥

Perdere è una questione di metodo

bloggin'utile

Perdere è una questione di metodo

DaNein

L'iberté!!! Hégalité!!! Avv'inazzhé!!!

folletta baci baci

Perdere è una questione di metodo

ilpescatorediparole

Perdere è una questione di metodo

Navigando Controvento

Perdere è una questione di metodo

Daily Godot's Weblog

Quando arriva Godot...

I Care

Perdere è una questione di metodo

Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

angelinablogblog

Perdere è una questione di metodo

ANTANDBUTTERFLY

Perdere è una questione di metodo

lavinia

Perdere è una questione di metodo

Valeriascrive

Perdere è una questione di metodo

Aboccaaperta

Perdere è una questione di metodo

stellablog

Perdere è una questione di metodo

La pioggia di settembre

Perdere è una questione di metodo

pensierini

Perdere è una questione di metodo

miscredente08

Perdere è una questione di metodo