Perdere è una questione di metodo

Il giorno dopo.

http://tv.repubblica.it/dossier/25_aprile_2009/giorgio-bocca-che-amarezza/32114?video

Commenti su: "Il giorno dopo." (7)

  1. Insieme a quelle di Napolitano, per forza ingabbiate dal suo ruolo istituzionale, penso che queste parole siano fra le più appropriate ed equlibrate che si son sentite in questi giorni. Potrebbero essere state pronunciate indifferentemente da Montanelli o Biagi, Ciampi o Pertini (anzi,no, Pertini si sarebbe incavolato a biscia). E sempre più mi convico che equilibrio, coscieza storica, integritàdi pensiero,comportamenti ed azione sian diventati merce rara.
    Par quasi che siano rimasti patrimonio solo di chi o non c’è più, oha passato l’ottantina.
    Ma dove cavolo si è persa la nostra generazione?

  2. Proprio così, twiga. c’è di che avvilirsi, direi. Non so che cosa ci è successo e quando, ma la realtà di oggi fa paura davvero. Vuoto a perdere, e basta.
    P.S. ti ho risposto.

  3. angelina66 ha detto:

    Condivido le parole di Bocca, e anche quelle di Scalfari, oggi su Repubblica. No, non c’e’ da stare allegri.

  4. coccoina ha detto:

    Cos’è che ha voluto dire il Principe?
    Ha detto che la Liberazione è di tutti: di tutti. Anche di coloro che tenevano in mano la catena che teneva quelli che si ribellavano prigionieri e che adesso reclamano d’esserci stati anch’essi, protagonisti, al gioco. Dall’altra parte della catena, la stessa catena.
    Chiamalo gioco!
    .
    La Menzogna trionfa e la tristezza fa compagnia, in quest’oggi che è il domani di ieri 25 Aprile, Festa della Liberazione, dove la Libertà guadagnata e sorella della Democrazia è stata usata a straccio a lucidare non troppo futuri stivali.
    Ma dov’è la Memoria: non quella precisa dei fatti – che i fatti da sempre ricopiano se stessi a riproporsi differenti e uguali – ma quella del diverso che c’è tra rubare la vita e dividerla assieme?
    .
    L’ho cercata e, quel poco d’Essa che ho trovato era goffo, che frugava se stesso, incapace com’era di essere capace di piangere almeno dell’assenza di se stessa: quattro vecchi gatti con lo sguardo triste, lo sguardo stupito e come ignaro di ciò che sta accadendo, Libertà che svanisce e che non si riesce a affrontare come fare a far comprendere cosa Libertà sia, a far capire cos’è.
    Quasi smarriti come il ragazzo che tiene prigioniero il dito a tappare il buco della grande diga, a impedire che l’acqua distrugga la città. E, assieme alla città, l’uccida.

  5. La Memoria? non esiste più memoria in questo paese assurdo che pretende di festeggiare il 25 aprile giorno di Liberazione insieme a quelli da cui ci si liberava.

  6. angelina, l’allegria la stanno piano piano cancellando, come tante altre cose…l’allegria vera, dico, non quella di cartone che il Sire e i suoi scagnozzi esibiscono per il diletto del popolo sciocco.

  7. Mi fate venire a mente che una qualche memoria storica la maggioranza di questo Paese pur la conserva. Almeno quella simbolica,suadente, falsamente ingenua e seduttiva del Principe. Quello vero, intendo, Emanuele Filiberto, che non potendo (per ora) salir su un trono si fa tronista acclamato, benvoluto, indiscusso protagonista di shows. Mai una parola fuori posto, amore per l’Italia sempre, garbato, accattivante e belloccio quel che basta. Le colpe dei padri non ricadano sui figli, ma, e ci scommetterei le balle che non ho, se decidesse di entrare in politica e gli fosse concesso, farebbe una strage di voti. O no?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Cloud dei tag

♥ melodiestonate ♥

Un blog da leggere... .Per chi ha tempo da perdere...♥

Perdere è una questione di metodo

bloggin'utile

Perdere è una questione di metodo

DaNein

L'iberté!!! Hégalité!!! Avv'inazzhé!!!

folletta baci baci

Perdere è una questione di metodo

ilpescatorediparole

Perdere è una questione di metodo

Navigando Controvento

Perdere è una questione di metodo

Daily Godot's Weblog

Quando arriva Godot...

I Care

Perdere è una questione di metodo

Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

angelinablogblog

Perdere è una questione di metodo

ANTANDBUTTERFLY

Perdere è una questione di metodo

lavinia

Perdere è una questione di metodo

Valeriascrive

Perdere è una questione di metodo

Aboccaaperta

Perdere è una questione di metodo

stellablog

Perdere è una questione di metodo

La pioggia di settembre

Perdere è una questione di metodo

pensierini

Perdere è una questione di metodo

miscredente08

Perdere è una questione di metodo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: