Perdere è una questione di metodo

Archivio per aprile 3, 2009

Onorevole sig. Ministro Brunetta…

….non è la prima volta che le scrivo e temo che non sarà nemmeno l’ultima, purtroppo.

Però, come si dice, mi corre l’obbligo.

Perchè sono un lavoratore dipendente pubblico e anche di genere femminile. Cioè quanto di peggio , Lei, nella immensa comprensione e conoscenza del vasto mondo dei lavoratori dipendenti pubblici e femmine, abbia individuato.

Perchè mi sono stufata delle Sue tirate contro i dipendenti pubblici e contro i dipendenti pubblici donne, perchè non sopporto più le Sue insinuazioni, le Sue affermazioni generiche e superficiali, perchè mi dà il vomito sentirLa blaterare sulle nostre possibilità di fare carriera stroncate dal nostro essere donne e perciò naturalmente succubi e serve e a disposizione dell’uomo e della famiglia in genere. Il Suo pseudo femminismo di ritorno mi fa letteralmente venire il torcibudella, mi scusi tanto, Onorevole.

Lei è un Professore ( di quelli con la P maiuscola, s’intende, mica di quelli che ha offeso e dileggiato appena qualche mese fa, tirandone in ballo anche i figli) per cui ritengo inutile ingolfarmi in discorsi pre o post femministi o entrare nel merito delle vere questioni.Non sarei comunque alla Sua altezza. Però una cosa vorrei dirLe, Onorevole sig. Ministro.

La smetta.

 La smetta davvero.

Perchè sono stanca, Onorevole Ministro. Sono tanti anni che lavoro, seriamente, onestamente, ho tirato su una splendida ragazza con l’aiuto di suo padre, e non sono mai , dico mai andata a fare la spesa in orario d’ufficio, non ho mai allacciato le scarpe a nessun uomo e non ho più voglia di farmi insultare da un sia pure Onorevole sig. Ministro .

Ne ho piene le tasche, di Lei e di quelli come Lei.

Non La sopporto più.

Prima di aprire la bocca, come si dice, Onorevole signor Ministro, inserisca il cervello, Lei che di sicuro ne ha uno.

Perchè forse qualcuna di noi, qualche mattina, magari con la luna di traverso perchè c’era la coda dal fornaio, potrebbe decidere che il vilipendio è inaccettabile e ricordarsi che è un reato.

E adesso La saluto cordialmente e mi scuso della mia intrusione nelle delicate questioni che il Suo Ministero comporta.

E buon lavoro. a Lei, che la spesa di sicuro non la fa.

Annunci

Il sole!!!!!!

Buongiorno, buongiorno, buongiorno!!!!!! Sembra davvero primavera, oggi, e riesco persino a dimenticarmi di quell’imbonitore da quattro soldi che mi fa venire l’ulcera, del lavoro che mi annoia e mi stanca un po’ troppo, delle mille cose andate alla deriva, di quanto pesa a volte il silenzio.

                                                             26727961.jpg

Purtroppo…

….ci tocca , un fracassone maleducato che colleziona brutte figure ovunque e comunque.

Quanto a tutto il resto che in questo periodo vediamo accadere sotto i nostri occhi, forse troppo stupiti per alzare la voce, o troppo stupidi per alzare molto la voce….non ci sono parole…Almeno, io non riesco più a trovarle.

Povera Patria.

♥ melodiestonate ♥

Un blog da leggere... .Per chi ha tempo da perdere...♥

Perdere è una questione di metodo

bloggin'utile

Perdere è una questione di metodo

DaNein

L'iberté!!! Hégalité!!! Avv'inazzhé!!!

folletta baci baci

Perdere è una questione di metodo

ilpescatorediparole

Perdere è una questione di metodo

Navigando Controvento

Perdere è una questione di metodo

Daily Godot's Weblog

Quando arriva Godot...

I Care

Perdere è una questione di metodo

Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

angelinablogblog

Perdere è una questione di metodo

ANTANDBUTTERFLY

Perdere è una questione di metodo

lavinia

Perdere è una questione di metodo

Valeriascrive

Perdere è una questione di metodo

Aboccaaperta

Perdere è una questione di metodo

stellablog

Perdere è una questione di metodo

La pioggia di settembre

Perdere è una questione di metodo

pensierini

Perdere è una questione di metodo

miscredente08

Perdere è una questione di metodo