Perdere è una questione di metodo

Archivio per febbraio, 2009

Ah, il sole!!!!!

Nella bolgia di questa mattinata al lavoro un saluto e un caffè….guardando con rimpianto il sole fuori.

                                                            dallafinestra2.jpg

Annunci

Viva l’Italia.

  A Coccoina , che me l'ha involontariamente ricordata.

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/MjAA0uP0V4Y" width="425" height="350" wmode="transparent" /].

Frasi storiche/8.

Il merdier italiano al premier francese : Io ti ho dato la tua donna.

Ma perchè? Perchè??????

Buonanotte.

Troppo stanca per uno dei miei soliti post degli ultimi tempi, un po’ incazzati, vi auguro una dolce e felice notte, presumendo che la mia sarà di certo meno dolce e felice, se non altro perchè, tra capo e collo in tarda mattinata un’ordinanza comunale ( sacrosanta, del resto) ha chiuso un edificio che fa parte del nostro Istituto  e che ospita 400 alunni poichè da rilievi effettuati recentemente risulta ” non in sicurezza per eventuali sismi anche di bassa intensità”. Per cui, dopo una giornata interamente trascorsa a organizzare la chiusura da domattina dell’edificio in questione, da domani c’è da sbattere la testa al muro per capire dove come quando sistemeremo 400 pargoli in attesa di un nuovo edificio.

Perciò me ne vado a letto a leggere sperando di dimenticare e a voi buona musica da uno dei fim che amo di più.

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/YUWyUE6kqoU" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

P.S.Obama, sei un grande!!!!

Giornate assurde.

Giusto come questa, in cui il malumore tocca vette sconosciute.

Ma  mi dicono che domani andrà meglio.

                                                                   donna41.jpg

Provarci non vuol dire riuscirci.

Io ci provo a infischiarmene, anche perchè ho il fegato ormai spappolato , gli zebedei (virtuali, per decreto) dilaniati e un principio d’ulcera….ma quando arrivo a casa dopo una giornata di lavoro e per prima cosa leggo che stanno studiando un decreto per lo sciopero virtuale ( cioè, ti tolgono lo stipendio ma lavori, hai capito che figata???), l’obbligo per il lavoratore di dichiarare l’intenzione di scioperare in anticipo, l’obbligo di un referendum del sindacato per proclamare uno sciopero a meno di non avere una rappresentatività del cinquanta dico cinquanta per cento, ditemi, voi che lo sapete,come si fa a infischiarsene?????

Io non ci riesco anzi divento una belva feroce!!!!!!!!

E non me ne importa un fico secco se il decreto riguarda il settore dei trasporti….in Francia hanno scioperato per un mese intero, e sono tutti sopravvissuti, scioperanti e cittadini. E a nessuno è venuto in mente di fare decreti del genere….

Ma cosa aspettiamo a dire basta???

Che facciano un bel decreto per dirci cosa dobbiamo leggere, guardare alla tivù e con chi dobbbiamo fare l’amore?

Massì, dimentichiamo…

Niente caffè, oggi, abbiamo bisogno di qualcosa di meglio che ci aiuti, migliori l’umore e favorisca l’oblio…

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/g8WgqRUFcaE" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

E i fondamentalisti sarebbero solo gli islamici??????

Leggo velocemente ” Nelle scuole di Roma è Quaresima anche nel piatto. Il venerdì nel menù delle mense solo uova o pesce. Ma la Cei (graziosamente, aggiungo io) esenta gli under 14 ”

VIVA LA FACCIA!!!!

Martedì grasso.

Mi hanno ricordato che oggi è martedì grasso.

Purtroppo questo è il meglio  che riesco a fare. Buon divertimento. 

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/tCwGjydg9E0" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

P.S. Proprio per non essere disfattista del tutto ho inserito un link in basso a sinistra che ho scoperto sul blog di Tania, Fantastiche avventure che quantifica in moneta il valore di ogni blog. Il mio vale una cifrettina niente male, volete comprarlo???? ecco, adesso ho capito il senso della frase un soldo per i tuoi pensieri. Quattordicimila dollari per i miei. Però... sempre troppo pochi, credetemi. I NOSTRI pensieri valgono molto di più.

Caffè???

Un po’ tardi,la mia pausa caffè, oggi, ma la condivido ugualmente con voi. Buona giornata, si spera.

                                                        pf_1242217caffe-moca-caffe-posters1.jpg

Caro PD/2.

Caro PD, è la seconda  volta che ti scrivo nel giro di qualche mese. Sono volati gli stracci, e va bene, abbiamo preso atto, del resto non c’era altro da fare…ma non è servito a molto costringere Uolter ad andarsene, considerato che tutti gli altri sono rimasti  lì, allineati e coperti, come se tutte le colpe fossero di quell’uno e soltanto sue….Forse dovreste un po’ vergognarvi, voi che siete rimasti a dirigere, perchè è evidente che non sapete neanche da dove si comincia, considerato che anche oggi avete fatto la vostra brutta figura quotidiana a proposito del testamento biologico, dividendovi, come sempre, facendo dei distinguo, come sempre, deludendoci, come sempre.

In questo devo dire, caro PD, non ti batte nessuno. Le nostre aspettative nei tuoi confronti sono talmente basse , ormai, che sembra quasi impossibile deluderle, ma non si sa come, tu ci riesci comunque.Forse, caro PD, dovresti guardarti un po’ attorno. Forse dovresti capire che noi, quelli lì che ti dirigono, non vogliamo più vederli neanche dipinti, forse dovresti incominciare a chiederti se non è ora di fermarsi nell’opera di distruzione che invece sta raggiungendo la violenza di Katrina, forse dovresti incominciare a fare i conti, quelli veri, non quelli delle poltrone , e renderti conto che in questo miserabile, devastato paese esiste ancora un quaranta per cento di gente che non ha votato il governo che ormai non governa ma impera indisturbato, forse dovresti chiederti cosa farne di questa potenzialità, forse dovresti smetterla di disgustarlo questo quarantapercento , forse dovresti chiederti che cosa puoi proporre a questo triste, silenzioso,vinto quarantapercento. Sarebbe un tuo dovere, caro PD. Sarebbe una priorità.

E forse sarebbe anche l’ora di incominciare a chiederti dove sei, a chiederti se non è il caso di rimboccarti le maniche e di costruire un nuovo modo di fare politica, di fare cultura, di riportare la gente a un minimo di civiltà. Perchè è vero che sei stato sfigato, caro PD, non potevi scegliere momento peggiore per venire alla luce. E’ vero che così sgangherato come sei, nel gioco che si è giocato negli ultimi dodici mesi del tutti contro tutti, non potevi che finire in un cantuccio a balbettare….ma è anche vero che se negli ultimi vent’anni questo paese è tornato ad essere, pian piano, un passo dopo l’altro, la schifezza che è,  la colpa è anche e soprattutto delle forze che ti hanno dato vita, la colpa è della loro cecità, della loro insipienza, della loro incapacità di vedere il baratro che si stava aprendo sotto i loro piedi, di non aver saputo o voluto fermare la corsa al vuoto culturale, al nulla, di non aver costruito un progetto comune di civiltà, di modernità, di rispetto reciproco. Di non aver dato alla gente un segnale di serietà, di non avere mai dimostrato come non si deve diventare.

E allora, poichè i responsabili di quelle forze sono ancora lì a “dirigere, penso caro PD che forse sarebbe ora di mandarli a casa. Perchè forse continuano a non aver capito nulla. Perchè forse qualcosa devi anche a noi. Perchè non abbiamo più voglia di arrivare a casa, la sera, e leggere sull’hp di Repubblica che il PD si è diviso sul testameno biologico, oggi, e domani chissà su cos’altro…perchè siamo stanchi e arrabbiati e di queste buffonate non ne possiamo più.

Stai attento, caro PD, perchè il quarantapercento che non ha votato per il vincitore non sono noccioline.

Ciao ragazzi, buon lunedì.

200410171840590somuchformonday1.jpg

Frasi storiche/7.

Il premier : Io come Obama. Siamo uomini del fare.

MA SMETTILA, VA’.

Ciao, Mirta ( che bel nome!).

Ciao, Mirta, benvenuta al bar, il mio blog di provincia, ho letto il tuo commento al mio post di qualche settimana fa ( C’è sempre una prima volta) e sono contenta di sapere che, capitata per caso da queste parti, ti sei fermata a leggere, è una bella cosa, io sono Raperonzola e quando ho aperto il blog mi sono scelta questo nome che mi ricorda una favola che leggevo quand’ero piccola ed è un nome che un po’ mi assomiglia, anche se ogni tanto da me salta fuori una Betty Boop un po’ incorreggibile……Coccoina si è già presentato da solo e come hai già potuto notare è uno speciale, proprio tanto, ma anche tutti gli altri amici che frequentano questo blog per me sono speciali, anche quelli che passano e non scrivono niente..poi ogni tanto qualcuno si ferma , come hai fatto tu, o ritorna a trovarmi..spero di rileggerti ancora, non hai lasciato un indirizzo e per questo sto scrivendo questo post, sperando che ti raggiunga. Grazie e…buona domenica.

Un sabato sprecato..

…mentre aspetto le delegazioni sindacali con cui abbiamo un incontro proprio stamattina vi posto un buongiorno. Mi hanno detto che ho l’aria di voler picchiare qualcuno e temo che sia proprio vero…

                                                        1791577321.jpg

L’ipocrisia del Vaticano.

Premetto che trovo intollerabile la continua ingerenza del Vaticano nei nostri affari di Stato, ormai siamo diventati la loro dependance…come hanno scritto alcuni quotidiani stranieri ( comunisti?) il Vaticano ha invaso l’Italia, e considero i suoi diktat inauditi sempre e comunque, anche quando invece di farneticare della presunta vita degli altri da salvare ad ogni costo, il cardinale o vescovo o che so io di turno dice delle cose sensate, come nel caso delle ” famigerate ronde”. Ma la cosa che mi fa più specie è questa ipocrisia di bassa lega, questo fingersi buoni e caritatevoli, questo sentenziare sull’ abdicazione allo stato di diritto.

Ma via, smettetela, Santità o Eccellenze varie. Vergognatevi, qualche volta. Ve lo dice una che non è atea, e che qualche volta va in Chiesa ( preferibilmente quando non c’è il prete). Voi che appoggiate questo governo di ladri e mafiosi, voi che avete barattato meschini favori con questa gentaglia che detta legge a destra e a manca senza un minimo di buon senso e di onestà, voi che li trattate come dei devoti sapendo benissimo che sono una banda di miscredenti e di affaristi, voi, coi vostri mantelli e i vostri ori, con la vostra mancanza spaventosa di pietà cristiana e i vostri calcoli tutti terreni, dare e avere, attenti al bilancio della vostra azienda, voi, SMETTETELA, UNA BUONA VOLTA.

L’inverno del nostro (mio) scontento.

Fuori il termometro segna – 5 che non  è propriamente una temperatura giusta per un inverno ormai teoricamente quasi finito, almeno non da queste parti……e forse questo nostro smaniare ( mio) , questa stanchezza che si trascina un giorno in fila all’altro ,è un po’ colpa anche di questi mesi ora freddi, ora piovosi, un inverno forse troppo lungo, troppo rigido, troppo tutto. Se poi  ci metti insieme la fatica di vivere, il lavoro assurdo ( la scuola ormai è diventata un luogo di per sè assurdo), le tristezze consuete e le notizie orripilanti che ti inseguono ogni giorno che Dio manda in terra, anzi due o tre al giorno , che non fai nemmeno in tempo a inorridire per qualcosa che sei già lì a disgustarti per quell’altra, il risultato non è una gran cosa, anzi è proprio mesto, di quelle mestizie senza appello. E la sera, poi, la sera che diventa notte e poi pian piano notte fonda ti trova ancora lì, a cancellare un’altra data, a fare un altro passo….ancora scontenta, ancora inquieta, sempre irrisolta.

Ma passerà, no?  questo inverno e forse , mentre torni a curare il gelsomino e a piantare due fiori, mentre controlli che le rose siano sopravvissute e osservi il solanum rimettere le foglie, ti dirai scuotendo il capo e borbottando sottovoce , come fanno i vecchi, che il peggio forse è passato e dopotutto i danni si possono riparare, e forse, lentamente, ti verrà voglia di ridere e di guardare avanti, perchè qualcosa magari si è salvato, anche se oggi non sai davvero cosa e non ti sembra, ma poi, domani, chi lo sa. 

Uffaaa….

pr1005011.jpg

Picchiettando coi tacchi il pavimento ritmicamente………segnale indiscusso della mia insofferenza…..

Qui si continua a non dormire….

…dopo la cena con gli amici, ricchi premi e cotillons, eccomi qua a riprendere i miei vaneggiamenti notturni….neanche due bicchieri di vino hanno funzionato, purtroppo. Ma io lo so cos’è…non devo leggere i giornali, non devo spulciare il web, non devo farmi domande, semplicemente NON DEVO PENSARE.

Si accettano consigli, buone parole e visite psichiatriche gratis.

Quando volano gli stracci/2…

                                              ….ORA ANDATEVENE TUTTI…..

♥ melodiestonate ♥

Un blog da leggere... .Per chi ha tempo da perdere...♥

Perdere è una questione di metodo

bloggin'utile

Perdere è una questione di metodo

DaNein

L'iberté!!! Hégalité!!! Avv'inazzhé!!!

folletta baci baci

Perdere è una questione di metodo

ilpescatorediparole

Perdere è una questione di metodo

Navigando Controvento

Perdere è una questione di metodo

Daily Godot's Weblog

Quando arriva Godot...

I Care

Perdere è una questione di metodo

Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

angelinablogblog

Perdere è una questione di metodo

ANTANDBUTTERFLY

Perdere è una questione di metodo

lavinia

Perdere è una questione di metodo

Valeriascrive

Perdere è una questione di metodo

Aboccaaperta

Perdere è una questione di metodo

stellablog

Perdere è una questione di metodo

La pioggia di settembre

Perdere è una questione di metodo

pensierini

Perdere è una questione di metodo

miscredente08

Perdere è una questione di metodo