Perdere è una questione di metodo

Archivio per febbraio 15, 2008

Domani.

4d961f99172010cdff65bc150b3aeac4.jpgDomani è sabato.

 Per tanti anni è stato un giorno bello, atteso con ansia.

 Adesso è solo il giorno in cui posso dormire un po’ di più.

Poi, ci sarà lui ,l’ immagine del mio fallimento.

E’ triste la fine di un amore.

 E’ triste non trovare mai le parole per dirlo, il momento giusto per non fare troppo male.

E così è un continuo farsi male senza smettere mai.

Una parola.

Una sola, per ricordare Giovanni PEZZULO che oggi è tornato a casa dentro una bara avvolta dalla bandiera italiana.

 Perdonaci per averti mandato fin laggiù e per averti rubato la vita.

Quelli che non si possono proprio perdonare sono i sedicenti giornalisti che quando l’Italia ha vinto il mondiale di calcio (tsk tsk) si affannavano a chiamare quei supermiliardari tatuati fino all’inguine ” i nostri ragazzi” e a questo nostro ragazzo hanno dedicato un minuto e dodici secondi.

Eh no,basta!!!

Ma perchè mi ostino a guardare il tiggìuno, perchè? Skynews è molto molto meglio.Non che non mi si rivolti lo stomaco comunque a vedere la sfilata dei vari berlusconimastellacasini e via dicendo ,ma almeno non mi tocca sentire definizioni tipo quelle del tiggì di stasera riferita a quel ciccione di Ferrara…..”noto giornalista e polemista”. POLEMISTA!!!! E che mestiere è?Va bè, ragazzi, allora lo sapete cosa faccio  io di mestiere? la rompicoglioni!!!!!  vi piace?   no, basta, non se ne può più, aiutooo….

…e poi…

dimenticavo….molti si chiedevano se in questa campagna elettorale è il caso o no di affrontare questo problema. Io non so rispondere, ma non parlarme mi sembra una cosa stronza. Il problema c’è, si sta ponendo sempre con maggiore evidenza e sappiamo con ragionevole certezza che la destra vincerà le elezioni. Non si può non parlarne, anche se qualcuno sostiene che mettere all’ordine del giorno una legge già esistente è come metterla in discussione. In realtà,a mio parere, è già in discussione, è già nell’agenda di qualcuno. LORO ci hanno già pensato.

Vorrei…

essere un po’ più sveglia ,stamani, ma mi riesce difficile. Allora, in pausa caffè mi dedico a questo bloghino, sperando che mi aiuti a riacquistare un minimo di lucidità.

Ieri, andando a Sarzana in macchina ascoltavo la mia radio preferita, Contatto radio, che trasmette da Carrara e fa parte del network Radio Popolare. Infatti, ieri sera era in onda da Milano perchè l’argomento della trasmissione era la manifestazione relativa alla 194, con interviste e interventi vari. ( Tra parentesi, mia figlia il venerdì sera alle 21,00 ha una trasmissione su RP che a Bologna si chiama Radio Città del Capo,è un trasmissione in cui si parla e si ascolta musica e la conduce tale Enzo coadiuvato dalla mia figliola. Perciò , se siete a Bologna e dintorni, ascoltatela).

Torniamo al punto.

 Ho prestato molta attenzione non tanto alle opinioni dei presenti in studio, quanto alle telefonate degli ascoltatori e alle interviste . Ho dedotto che :

I giovani sono abbastanza distanti da questo problema , non so se perchè danno per scontato un diritto acquisito o perchè talmente disincantati da sentire come inutile e impotente qualunque forma di protesta. In entrambi i casi, mi preoccupo.

Incomincia a farsi strada tra la gente un sospetto e cioè che nessun governo si sognerà mai di rifare un referendum sulla 194 per il semplice motivo che un’abolizione di questa legge non passerebbe mai…ma sicuramente un governo di destra modificherebbe in senso restrittivo la legge. Anche questo mi preoccupa.

Sembra che in molte regioni italiane stia diventando molto difficile applicare questa legge, perchè il 75% dei medici si dichiara antiabortista, perchè altrimenti la sua carriera viene stroncata, oppure lo si utilizza solo e soltanto come praticante l’aborto impedendogli, di fatto, di svolgere la sua professione.Questo non mi preoccupa soltanto ma mi fa anche incazzare. MOLTO.

Notte d’inverno.

stelle1.jpgEccomi di ritorno dalla mia cena fuori tema, ormai in pigiama e già pronta per andarmene a letto, ma non prima di aver postato qualche pensierino.

Dopo aver lasciato la macchina nel parcheggio (il centro storico è out) è stato tutto un incontrare coppie di varia età che si avviavano, mano nella mano, a festeggiare la loro serata di S.Valentino. Molto teneri.

Nel ristorante che io e le mie amiche avevamo scelto , un localino carino e intimo nel cuore di Sarzana,TUTTI dico TUTTI i tavoli erano apparecchiati per due, tranne il nostro.Vi lascio immaginare con quale sorpresa gli avventori ci hanno osservate guadagnare il nostro tavolo  tra saluti e baci . Secondo me ci hanno scambiate per una banda di lesbiche. Dopo di che la cena è stata molto piacevole ,soprattutto quando la Betti, che tanto sana non è, ha offerto ai commensali nostri vicini ( e lontani) qualche cioccolatino (ognuna di noi ne aveva portato una manciata, giusto per non essere completamente fuori dal tema (tanto più di così…) .Di sicuro noi eravamo allegre e ci siamo divertite, come  quasi sempre, quando ci ritroviamo.  Gli altri non so

.E adesso vado, dopo aver dato un ultimo sguardo fuori dalla finestra a questo meraviglioso cielo stellato.Nelle notti così fredde, limpide e con le stelle così vicine che ti sembra quasi di poterle toccare, il mondo ti sembra davvero bellisimo. Buonanotte.

Cloud dei tag

♥ melodiestonate ♥

Un blog da leggere... .Per chi ha tempo da perdere...♥

Perdere è una questione di metodo

bloggin'utile

Perdere è una questione di metodo

DaNein

L'iberté!!! Hégalité!!! Avv'inazzhé!!!

folletta baci baci

Perdere è una questione di metodo

ilpescatorediparole

Perdere è una questione di metodo

Navigando Controvento

Perdere è una questione di metodo

Daily Godot's Weblog

Quando arriva Godot...

I Care

Perdere è una questione di metodo

Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

angelinablogblog

Perdere è una questione di metodo

ANTANDBUTTERFLY

Perdere è una questione di metodo

lavinia

Perdere è una questione di metodo

Valeriascrive

Perdere è una questione di metodo

Aboccaaperta

Perdere è una questione di metodo

stellablog

Perdere è una questione di metodo

La pioggia di settembre

Perdere è una questione di metodo

pensierini

Perdere è una questione di metodo

miscredente08

Perdere è una questione di metodo